Clenil

11 agosto 2020

Clenil




Clenil è un farmaco a base di beclometasone dipropionato, appartenente al gruppo terapeutico Corticosteroidi. E' commercializzato in Italia da Chiesi Farmaceutici S.p.A.


Confezioni e formulazioni di Clenil (beclometasone dipropionato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Clenil (beclometasone dipropionato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Clenil (beclometasone dipropionato) e perchè si usa


Controllo dell'evoluzione della malattia asmatica e delle condizioni di broncostenosi.



Come usare Clenil (beclometasone dipropionato): posologia, dosi e modo d'uso


Adulti: una inalazione di Clenil 400 Microgrammi Polvere due volte al giorno o una inalazione di Clenil 200 Microgrammi Polvere 3-4 volte al giorno.

Nei pazienti che richiedono dosi superiori per controllare la malattia asmatica, la posologia può essere incrementata a due inalazioni 2 volte al giorno di Clenil 400 Microgrammi Polvere.

Bambini: una inalazione di Clenil 100 Microgrammi Polvere 2-4 volte al giorno o una inalazione di Clenil 200 Microgrammi Polvere due volte al giorno.

Per ottenere buoni risultati il preparato deve essere usato con regolarità, anche durante le fasi asintomatiche.

Non sono richiesti aggiustamenti posologici nei pazienti anziani o con insufficienza epatica o renale.

Clenil Polvere per inalazione va utilizzato unicamente per uso inalatorio.

Istruzioni d'uso

Leggere attentamente le seguenti istruzioni per un uso corretto. Se necessario rivolgersi al proprio medico per spiegazioni più dettagliate.

Clenil è una polvere per inalazione a base di beclometasone dipropionato micronizzato miscelato con un “carrier“, contenuta in un apparecchio inalatore multidose. Il sistema di erogazione non necessita di propellenti e non richiede coordinazione tra erogazione ed inalazione

L'inalatore di polvere deve essere conservato in luogo asciutto a temperatura ambiente.

Non rimuovere il cappuccio di protezione sino al momento dell'impiego.

A. Apertura

1) Svitare il cappuccio di protezione. Prima dell'uso, controllare che il boccaglio sia pulito. Se necessario, pulire il boccaglio con un fazzoletto di carta che non rilasci peluria o con un panno morbido. Prima di ruotare l'inalatore, tenerlo verticale e batterlo delicatamente su di una superficie rigida al fine di livellare la polvere nella camera.

B. Caricamento

2) Tenendo l'inalatore in posizione verticale, premere il tasto marrone sul boccaglio con una mano e con l'altra ruotare il corpo dell'inalatore in senso antiorario (mezzo giro) fino a fine corsa, con il foro nel boccaglio posizionato esattamente sul bollino rosso (posizione di caricamento dose).

3) Mentre si tiene l'inalatore in posizione verticale, ruotare il corpo dell'inalatore in senso orario (mezzo giro) fino ad udire un “click“, con il foro posizionato esattamente sul bollino verde (posizione di erogazione dose).

C. Somministrazione

4) Espirare profondamente con calma, non attraverso l'inalatore.

5) Posizionare il boccaglio fra le labbra, tenendo l'inalatore in posizione verticale, ed inspirare con la bocca il piú rapidamente ed il piú profondamente possibile. Trattenere il respiro per alcuni secondi.

D. Chiusura

6) Rimuovere l‘inalatore dalla bocca. Riavvitare il cappuccio di protezione.

Consigli Generali

  • Tenere sempre in posizione verticale l'inalatore dalla fase di caricamento dose sino all'inalazione.
  • Nel caso si debba assumere una dose corrispondente a 2 inalazioni, è necessario ogni volta ruotare l'inalatore come descritto sopra al punto B prima della inalazione.
  • Durante l'uso, il livello della polvere diminuirà progressivamente nel corpo trasparente del dispositivo. Quando le razze rosse sul fondo dell'inalatore diventano visibili, a causa del basso livello della polvere, l'inalatore deve essere sostituito poichè, da quel momento, non è piú garantita la corretta erogazione della dose.
  • Dopo l'inalazione della dose e prima di richiudere l'inalatore, controllare che il foro nel boccaglio sia posizionato sul bollino verde del corpo dell'inalatore.
  • La presenza di polvere in bocca dopo l'inalazione ed una leggera sensazione di sapore dolce sono una conferma che la dose è stata correttamente erogata ed il principio attivo ha raggiunto i polmoni.
  • L'inalatore contiene una capsula di essiccante che assicura un corretto livello di umidità all'interno della camera d'erogazione. Il cappuccio deve essere sempre rimesso dopo l'uso dell'inalatore; inoltre, l'inalatore non deve mai essere avvicinato a fonti di calore o di umidità. Tuttavia, se l'inalatore viene riposto senza cappuccio per brevi periodi (es. 24 ore) a temperatura ambiente, l'efficacia del prodotto non viene modificata.
  • Se, anziché inspirare, si soffia nell'inalatore non si causa nessun problema: all'evenienza si deve semplicemente capovolgere l'inalatore facendo svuotare la camera di dosaggio dalla polvere. Si deve procedere nello stesso modo se si ritiene di avere accidentalmente caricato due o più dosi nella camera.
Istruzioni per la pulizia

  • Durante l'uso, pulire regolarmente il boccaglio con un fazzoletto di carta che non rilasci peluria o con un panno morbido.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Clenil (beclometasone dipropionato)


Ipersensibilità ai cortisonici o ad uno qualsiasi degli eccipienti



Clenil (beclometasone dipropionato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


La sicurezza d'impiego di beclometasone dipropionato nella gravidanza umana non è stata stabilita. Studi tossicologici sulla riproduzione negli animali hanno rivelato un aumento dell'incidenza di danno fetale,l'importanza della quale è considerata incerta nell'uomo. Dal momento che esiste la possibilità di soppressione della funzionalità corticosurrenale nei neonati dopo trattamento prolungato, il beneficio sulla madre deve essere attentamente valutato nei confronti del rischio per il feto.

È ragionevole ritenere che il medicinale sia presente nel latte materno, ma alle dosi inalatorie impiegate la possibilità di ritrovarne concentrazioni significative nel latte materno è bassa.

I bambini nati da madri che abbiano ricevuto sostanziali dosi di corticosteroidi per via inalatoria durante la gravidanza devono essere attentamente osservati per svelare un eventuale iposurrenalismo.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube