Fexallegra Nasale

19 giugno 2021

Fexallegra Nasale


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Fexallegra Nasale (tramazolina + clorfenamina)


Fexallegra Nasale è un farmaco a base di tramazolina + clorfenamina, appartenente al gruppo terapeutico Decongestionanti. E' commercializzato in Italia da Sanofi S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Fexallegra Nasale disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Fexallegra Nasale disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Fexallegra Nasale e perchè si usa


Terapia sintomatica delle riniti allergiche, quali il raffreddore da fieno.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Fexallegra Nasale


Fexallegra nasale è controindicato nei seguenti casi:
  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Rinite sicca.
  • Malattie cardiache ed ipertensione arteriosa grave.
  • Glaucoma ad angolo acuto.
  • Ipertiroidismo, ipertrofia prostatica.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Dopo chirurgia cranica eseguita per via nasale.
  • Bambini di età inferiore ai 12 anni.

Fexallegra Nasale può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Il medicinale è controindicato in gravidanza (vedere paragrafo 4.3).

Allattamento

Il medicinale è controindicato durante l'allattamento (vedere paragrafo 4.3).

Fertilità

Non sono stati condotti studi volti ad indagare gli effetti sulla fertilità umana.

Quali sono gli effetti indesiderati di Fexallegra Nasale


La seguente convenzione è stata utilizzata per la classificazione degli effetti indesiderati: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, < 1/10), non comune (≥1/1000 e <1/100), raro (≥1/10.000 e <1/1000), molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

I seguenti effetti indesiderati possono verificarsi a seguito dell'uso di Fexallegra nasale:

Disturbi del sistema immunitario:

Non nota: Ipersensibilità (edema della cute, edema delle mucose).

Disturbi psichiatrici:

Non nota: Allucinazioni, insonnia, irrequietezza.

Patologie del sistema nervoso:

Non nota: Sonnolenza, sedazione, mal di testa, vertigini, disgeusia.

Patologie cardiache:

Non nota: Aritmie, tachicardia, palpitazioni.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche:

Non nota: Epistassi, edema nasale, bruciori al naso, secchezza nasale, rinorrea, starnuti.

Patologie gastrointestinali:

Non nota: Nausea.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Non nota: Rash, prurito.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione:

Non nota: fatica.

Esami diagnostici:

Non nota: Aumento della pressione arteriosa.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Rinite allergica, infettiva o vasomotoria: come gestirla?
Apparato respiratorio
01 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Rinite allergica, infettiva o vasomotoria: come gestirla?
L'arte di respirare
Apparato respiratorio
11 aprile 2021
Libri e pubblicazioni
L'arte di respirare