Pericaina iniett. 10 fiale 10 ml

02 aprile 2020

Farmaci - Pericaina

Pericaina iniett. 10 fiale 10 ml




Pericaina è un farmaco a base di mepivacaina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Anestetici locali. E' commercializzato in Italia da Industria Farmaceutica Galenica Senese S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Industria Farmaceutica Galenica Senese S.r.l.

MARCHIO

Pericaina

CONFEZIONE

iniett. 10 fiale 10 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

ALTRE CONFEZIONI DI PERICAINA DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
mepivacaina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Anestetici locali

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a ricetta medica da rinnovare di volta in volta

PREZZO
150,29 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Pericaina (mepivacaina cloridrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Pericaina (mepivacaina cloridrato)? Perchè si usa?


È indicata in tutti gli interventi che riguardano: chirurgia generale (piccola chirurgia) - ostetricia e ginecologia - urologia - oculistica (blocco retrobulbare, ecc.) - dermatologia (asportazione verruche, cisti, dermoidi, ecc.) - otorinolaringoiatra (tonsillectomia, rinoplastica,  interventi  sull'orecchio  medio,  ecc.)  -  ortopedia  (riduzione  fratture  e lussazioni, ecc.) - medicina generale (causalgie, nevralgie, ecc.) - medicina sportiva (strappi muscolari, meniscopatie, ecc.).





CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Pericaina (mepivacaina cloridrato)


Ipersensibilità già nota verso i componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.

Disturbi della conduzione atrioventricolare. Soggetti affetti da porfiria.

Antecedenti di ipertermia maligna. Epilettici in trattamento non controllato.

L'anestesia locale deve essere evitata nelle zone infette e infiammate.



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Pericaina (mepivacaina cloridrato)


Attenzione: Ènecessario avere la disponibilità immediata dell'equipaggiamento,dei farmacie del personale idonei al trattamentodi emergenza poichè in casi rarisono stati riferiti, a seguito dell'uso di anestetici  locali, reazioni gravi, talora ad esito infausto, anche in assenza di ipersensibilità individuale nell'anamnesi.

La soluzione anestetica deve essere iniettata con cautela in piccole dosi dopo 10 secondi circa da una preventiva aspirazione.

Specialmente quando si devono infiltrare zone molto vascolarizzate è consigliabile lasciar trascorrere circa due minuti prima di procedere al blocco locoregionale vero e proprio. È necessario avere la disponibilità immediata dell'equipaggiamento, dei farmaci e del personale idonei al trattamento di emergenza poichè in casi rari sono stati riferiti, a seguito dell'uso di anestetici locali, reazioni gravi, talora ad esito infausto, anche in assenza di ipersensibilità individuale nell'anamnesi.

Il prodotto deve essere usato con assoluta cautela in soggetti in trattamento con farmaci IMAO o antidepressivi triciclici (es. amitriptilina).

Occorre evitare qualsiasi sovradosaggio di anestetico e non somministrare mai due dosi massime di quest'ultimo senza che sia trascorso un intervallo minimo di 24 ore, ad esempio quando un blocco periferico fallisce per motivi tecnici.

La sicurezza d'impiego della mepivacaina dipende:

  • da un opportuno dosaggio, per cui deve essere usata alla dose minima efficace determinata tenendo conto dell'età, del peso e dello stato fisico del paziente;
  • da una corretta tecnica di utilizzazione, iniettando la soluzione lentamente e con frequenti aspirazioni;
  • dall'adozione di misure precauzionali, che richiedono sempre l'immediata disponibilità di un idoneo equipaggiamento di rianimazione.

La somministrazione di dosi ripetute può determinare significativi aumenti del tasso plasmatico dovuto all'accumulo di mepivacaina o dei suoi metaboliti.

La sonnolenza rappresenta il primo segno di elevato tasso plasmatico che si può verificare anche in casi di rapido assorbimento o di accidentale iniezione intravenosa.

Particolari cautele debbono essere adottate:

  • quando il tessuto o la sede di iniezione presentano segni di infiammazione e/o di infezione;
  • quando si effettuano anestesie epidurali, subaracnoidee o caudali soprattutto in pazienti affetti da malattie neurologiche, deformità spinali, sepsi o ipertensione;
  • nei pazienti con affezioni cardiovascolari e specialmente in caso di shock o di turbe della conduzione atrio-ventricolare.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Pericaina (mepivacaina cloridrato)


Non sono note eventuali interazioni con altri farmaci. Occorre però usare cautela nei pazienti in trattamento con farmaci IMAO o antidepressivi triciclici (vedere "Speciali precauzioni per l'uso").



POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Pericaina (mepivacaina cloridrato)? Dosi e modo d'uso


La dose massima raccomandata per Pericaina (Mepivacaina alcalinizzata) è di 25 ml (7 mg/kg). La dose totale nelle 24 ore non deve mai superare i 1.000 mg. La posologia deve essere opportunamente ridotta nei bambini (dose massima 5-6 mg/kg) e nei pazienti critici. Dosi consigliate:

  • blocco peridurale toracico, lombare o caudale: fino a 400 mg raggiungibili con 10-20 ml.
  • blocco paravertebrale dei nervi somatici: fino a 400 mg.
  • blocco nervoso periferico brachiale, femorale, sciatico: fino a 500 mg raggiungibili 20-25 ml in relazione all'area da anestetizzare ed al tipo di blocco.
  • blocco punti trigger in terapia antalgica: fino a 40 mg per punto e fino ad un massimo di
  • 300 mg raggiungibili con una dose totale di 15 ml di soluzione.
  • infiltrazione intrarticolare: fino a 100 mg per articolazione da anestetizzare raggiungibili con 5 ml di soluzione.
  • infiltrazione della cute "a barriera": fino a 300 mg raggiungibili con una dose totale di 15 ml di soluzione.
  • blocco paracervicale in ostetricia: fino a 200 mg raggiungibili con una dose totale di 10 ml di soluzione per lato.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Pericaina (mepivacaina cloridrato)


I sintomi di sovradosaggio sono caratterizzati da:

  • manifestazioni neuroeccitatorie con tremori, diplopia, convulsioni seguite da depressione, insufficienza respiratoria e coma;
  • alterazioni cardiovascolari con ipotensione e bradicardia.

Il trattamento è sintomatico. Eventuali convulsioni possono essere controllate con somministrazione di benzodiazepine ad azione breve (diazepam 10-20 mg e.v.) e con manovre rianimatorie (ossigenoterapia, fluidoterapia, intubazione oro-tracheale, ecc.).



EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Pericaina (mepivacaina cloridrato)


Si possono avere sia reazioni tossiche che reazioni allergiche all'anestetico. Fra le prime vengono riferiti fenomeni di stimolazione nervosacentrale con eccitazione, tremori, disorientamento,  vertigini,  midriasi,  aumento  del  metabolismo  e  della  temperatura corporea e, per dosi molto elevate, trisma e convulsioni; se è interessato il midollo allungato si ha compartecipazione dei centri cardiovascolare, respiratorio ed emetico con sudorazione, aritmie, ipertensione, tachipnea, broncodilatazione, nausea e vomito.



GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Pericaina (mepivacaina cloridrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


In gravidanza il prodotto deve essere usato solo in caso di effettiva necessità.

Può essere impiegato con dosaggi opportuni per l'analgesia peridurale in travaglio di parto o per l'anestesia peridurale per taglio cesareo.



GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Pericaina (mepivacaina cloridrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Alle dosi consigliate il farmaco non influenza significativamente e per un lungo tempo le capacità di attenzione.



PRINCIPIO ATTIVO


1 ml di soluzione iniettabile contiene

Principio attivo: mepivacaina cloridrato mg 20, pari a mepivacaina mg 17,4;

Eccipienti: sodio cloruro mg 6, sodio bicarbonato q.b. per la correzione del pH, acqua p.p.i. q.b. a 1 ml.



ECCIPIENTI


Sodio cloruro, sodio bicarbonato e acqua p.p.i.



SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Conservare a temperatura non superiore a 25°C.



NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Fiale in vetro tipo I da ml 1 – 2 – 5 – 10 - 20 ml, in confezioni da 10 fiale.




Data ultimo aggiornamento scheda: 20/10/2017

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Vitamina D: un vademecum di AIFA
17 marzo 2020
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA
Antibiotico, sì o no?
16 gennaio 2020
Quiz e test della salute
Antibiotico, sì o no?
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube