Pericaina

16 aprile 2021

Pericaina


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Pericaina (mepivacaina cloridrato)


Pericaina è un farmaco a base di mepivacaina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Anestetici locali. E' commercializzato in Italia da Industria Farmaceutica Galenica Senese S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Pericaina disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Pericaina disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Pericaina e perchè si usa


È indicata in tutti gli interventi che riguardano: chirurgia generale (piccola chirurgia) - ostetricia e ginecologia - urologia - oculistica (blocco retrobulbare, ecc.) - dermatologia (asportazione verruche, cisti, dermoidi, ecc.) - otorinolaringoiatra (tonsillectomia, rinoplastica,  interventi  sull'orecchio  medio,  ecc.)  -  ortopedia  (riduzione  fratture  e lussazioni, ecc.) - medicina generale (causalgie, nevralgie, ecc.) - medicina sportiva (strappi muscolari, meniscopatie, ecc.).

Indicazioni: come usare Pericaina, posologia, dosi e modo d'uso


La dose massima raccomandata per Pericaina (Mepivacaina alcalinizzata) è di 25 ml (7 mg/kg). La dose totale nelle 24 ore non deve mai superare i 1.000 mg. La posologia deve essere opportunamente ridotta nei bambini (dose massima 5-6 mg/kg) e nei pazienti critici. Dosi consigliate:

  • blocco peridurale toracico, lombare o caudale: fino a 400 mg raggiungibili con 10-20 ml.
  • blocco paravertebrale dei nervi somatici: fino a 400 mg.
  • blocco nervoso periferico brachiale, femorale, sciatico: fino a 500 mg raggiungibili 20-25 ml in relazione all'area da anestetizzare ed al tipo di blocco.
  • blocco punti trigger in terapia antalgica: fino a 40 mg per punto e fino ad un massimo di
  • 300 mg raggiungibili con una dose totale di 15 ml di soluzione.
  • infiltrazione intrarticolare: fino a 100 mg per articolazione da anestetizzare raggiungibili con 5 ml di soluzione.
  • infiltrazione della cute "a barriera": fino a 300 mg raggiungibili con una dose totale di 15 ml di soluzione.
  • blocco paracervicale in ostetricia: fino a 200 mg raggiungibili con una dose totale di 10 ml di soluzione per lato.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Pericaina


Ipersensibilità già nota verso i componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.

Disturbi della conduzione atrioventricolare. Soggetti affetti da porfiria.

Antecedenti di ipertermia maligna. Epilettici in trattamento non controllato.

L'anestesia locale deve essere evitata nelle zone infette e infiammate.

Pericaina può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


In gravidanza il prodotto deve essere usato solo in caso di effettiva necessità.

Può essere impiegato con dosaggi opportuni per l'analgesia peridurale in travaglio di parto o per l'anestesia peridurale per taglio cesareo.

Quali sono gli effetti indesiderati di Pericaina


Si possono avere sia reazioni tossiche che reazioni allergiche all'anestetico. Fra le prime vengono riferiti fenomeni di stimolazione nervosacentrale con eccitazione, tremori, disorientamento,  vertigini,  midriasi,  aumento  del  metabolismo  e  della  temperatura corporea e, per dosi molto elevate, trisma e convulsioni; se è interessato il midollo allungato si ha compartecipazione dei centri cardiovascolare, respiratorio ed emetico con sudorazione, aritmie, ipertensione, tachipnea, broncodilatazione, nausea e vomito.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa