Multibic

20 gennaio 2021

Multibic


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Multibic (soluzioni per emofiltrazione)


Multibic è un farmaco a base di soluzioni per emofiltrazione, appartenente al gruppo terapeutico Emofiltrati. E' commercializzato in Italia da Fresenius Medical Care Italia S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Multibic disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Multibic disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Multibic e perchè si usa


multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio è indicato per l'uso endovenoso come soluzione sostitutiva nell'emofiltrazione e nell'emodiafiltrazione e come soluzione di dialisi nell'emodialisi e nell'emodiafiltrazione.

Per l'uso in pazienti con:
  • insufficienza renale acuta che richiede una terapia di sostituzione renale continua: trattamenti di emodialisi continua, emofiltrazione o emodiafiltrazione
  • con malattia renale cronica nei quali è indicato un trattamento transitorio, ad es. durante il ricovero in un'unità di terapia intensiva
  • quando la terapia di sostituzione renale continua è indicata come parte del trattamento di un'intossicazione con acqua solubile, tossine filtrabili/dializzabili.
multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio è indicato negli adulti.

Indicazioni: come usare Multibic, posologia, dosi e modo d'uso


La terapia di sostituzione renale continua, inclusa la prescrizione di questo medicinale, deve essere effettuata sotto la diretta responsabilità di un medico con esperienza in questo tipo di trattamento.

Posologia

In caso di insufficienza renale acuta, è appropriato un trattamento continuo con una dose di 2000 ml/h di multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio in adulti di 70 kg di peso per eliminare prodotti metabolici di scarto in base alla situazione metabolica del paziente. La dose deve essere adattata alla corporatura del paziente.

Nei pazienti con malattia renale cronica, salvo diverse indicazioni cliniche, la dose di multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio deve essere almeno un terzo del peso corporeo per sessione con 3 sessioni a settimana. Può essere richiesto un aumento del volume di soluzione utilizzato a settimana o la distribuzione di questo volume settimanale fino a più di 3 trattamenti a settimana.

La dose e la durata dell'emodialisi, dell'emofiltrazione o dell'emodiafiltrazione necessarie nel trattamento degli stati acuti di intossicazione dipende dalla tossina e dalla sua concentrazione e dalla gravità dei sintomi clinici e deve essere decisa clinicamente in base alle condizioni del singolo paziente.

Si raccomanda una dose massima di 75 litri al giorno.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio nei bambini non sono state ancora stabilite (vedere paragrafo 4.4 e 5.1).

Modo di somministrazione

Per uso endovenoso ed emodialisi.

Per le istruzioni sull'uso del prodotto, vedere paragrafo 6.6.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Multibic


Controindicazioni dovute alla soluzione:

multiBic senza-potassio/2/3 mmol/l potassio
  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Ipokaliemia
  • Alcalosi metabolica
multiBic 4 mmol/l potassio
  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Iperkaliemia
  • Alcalosi metabolica
Controindicazioni all'uso della procedura tecnica:
  • inadeguato flusso sanguigno dall'accesso vascolare;
  • se vi è un rischio elevato di emorragia a causa della anticoagulazione sistemica.

Multibic può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati sull'uso di multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio in donne in gravidanza sono limitati o assenti. Gli studi su animali sono insufficienti per quanto riguarda la tossicità sulla riproduzione (vedere paragrafo 5.3).

multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio non deve essere utilizzato durante la gravidanza a meno che la condizione della donna non richieda terapia sostitutiva renale continua.

Allattamento

Le informazioni sull'escrezione dei principi attivi/metaboliti di multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio nel latte materno sono insufficienti.

L'allattamento non è raccomandato durante il trattamento con multiBic senza-potassio/2/3/4 mmol/l potassio.

Fertilità

Dati non disponibili

Quali sono gli effetti indesiderati di Multibic


Le reazioni avverse possono essere riferite alla modalità di trattamento stesso o possono essere indotte dal medicinale.

Patologie gastrointestinali - nausea, vomito

Patologie vascolari - ipotensione, ipertensione

Patologie del sistema muscolo-scheletrico e del tessuto connettivo - crampi muscolari

Le seguenti reazioni avverse possono essere previste per la modalità di trattamento:

Disturbi del metabolismo e della nutrizione - iperidratazione o disidratazione, squilibri elettrolitici (es. ipokaliemia), ipofosfatemia, iperglicemia e alcalosi metabolica.

L'esatta frequenza di questi eventi non è nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Psoriasi, combattiamola anche a tavola
26 ottobre 2020
Notizie e aggiornamenti
Psoriasi, combattiamola anche a tavola
Orticaria, come riconoscerla
31 agosto 2020
Notizie e aggiornamenti
Orticaria, come riconoscerla
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa