Imrestor 15 mg soluzione iniettabile per bovini 50 siringhe da 2,7 ml

01 dicembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Imrestor

Imrestor 15 mg soluzione iniettabile per bovini 50 siringhe da 2,7 ml



TITOLARE:

Lilly-UK

CONCESSIONARIO:

Elanco Italia S.p.A.

MARCHIO

Imrestor

CONFEZIONE

15 mg soluzione iniettabile per bovini 50 siringhe da 2,7 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

ALTRE CONFEZIONI DI IMRESTOR DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
pegbovigrastim

GRUPPO TERAPEUTICO
Immunostimolanti

RICETTA
ricetta medica in copia unica non ripetibile

PREZZO
825,00 €

INDICAZIONI

A cosa serve Imrestor 15 mg soluzione iniettabile per bovini 50 siringhe da 2,7 ml

come coadiuvante in un programma di gestione dell'allevamento volto a ridurre il rischio di mastiteclinica nelle vacche da latte e nelle manze nel periodo del periparto, durante i 30 giorni successivi alparto.

MODO D'USO

Come si usa Imrestor 15 mg soluzione iniettabile per bovini 50 siringhe da 2,7 ml

somministrazione sottocutanea.Il regime di trattamento è composto da due siringhe. Il contenuto di una singola siringa preriempita deve essere iniettato per via sottocutanea in una manza/vacca da latte 7 giorni prima della data prevista del parto. Il contenuto di una seconda siringa preriempita deve essere iniettato per via sottocutanea entro le 24 ore successive al parto. Gli intervalli fra le due somministrazioni non devono essere inferiori a 3 giorni o superiori a 17 giorni. Una singola siringa fornisce una dose di 20-40 µg/kg di pegbovigrastim a seconda del peso corporeoper la maggior parte delle vacche: ad es. una dose di 21 µg/kg di peso corporeo per una vacca di700 kg o una dose di 33 µg/kg di peso corporeo per una manza di 450 kg.

AVVERTENZE

negli animali con funzione immunitaria alterata a seguito di trattamenti farmacologici, ad esempio in animali che di recente hanno ricevuto corticosteroidi somministrati per via sistemica o farmaci antinfiammatori non steroidei, il prodotto potrebbe non essere efficace. L'uso contemporaneo di tali prodotti deve essere evitato. Il prodotto deve essere usato solo conformemente a una valutazione positiva del rapporto rischio beneficioa livello di mandria, eseguita dal veterinario responsabile. Evidenze legate all'uso di principi attivi simili nell'uomo suggeriscono che la somministrazione accidentale ai bovini di una dose maggiore a quella autorizzata potrebbe causare reazioni avverse, correlate all'attività di pegbovigrastim. Il trattamento deve essere sintomatico. Non esiste alcun antidoto noto. In uno studio sulla sicurezza in vacche di razza Jersey, a un sovradosaggio di 60 µg/kg somministratoin tre occasioni (1,5 volte la dose massima raccomandata), sono state osservate ulcere abomasali.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
A spasso con il cane: giocare con la palla
20 settembre 2020
Notizie e aggiornamenti
A spasso con il cane: giocare con la palla
Il cucciolo non è un giocattolo
25 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Il cucciolo non è un giocattolo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa