Mastout 20 siringhe intramammarie monodose da 3 g

25 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Mastout

Mastout 20 siringhe intramammarie monodose da 3 g



TITOLARE:

Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.

MARCHIO

Mastout

CONFEZIONE

20 siringhe intramammarie monodose da 3 g

FORMA FARMACEUTICA
siringhe preriempite/fiala + siringa

ALTRE CONFEZIONI DI MASTOUT DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
cefalonio

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibiotici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
119,00 €

INDICAZIONI

A cosa serve Mastout 20 siringhe intramammarie monodose da 3 g

Per il trattamento delle mastiti in asciutta e delle infezioni sub-cliniche già esistenti a livello mammario o per la prevenzione di nuove infezioni sostenute da Staphylococcus aureus (compresi i ceppi penicillinoresistenti), Streptococcus agalactiae, Streptococcus dysgalactiae, Streptococcus uberis, Actinomyces pyogenes, Corynebacterium ulcerans, Escherichia coli, Proteus spp., Klebsiella spp., Citrobacter spp. ed Enterobacter spp., che insorgono durante il periodo di riposo funzionale della mammella. Il trattamento con MASTOUT, inoltre, riduce il rischio di mastiti acute che possono insorgere con il parto.

MODO D'USO

Come si usa Mastout 20 siringhe intramammarie monodose da 3 g

Somministrare il contenuto di una siringa di Mastout in ogni quarto mammario. La somministrazione per via intramammaria va praticata immediatamente dopo l'ultima mungitura, prima della messa in asciutta della bovina. Mungere e sgocciolare a fondo ciascun quarto mammario, quindi pulire e disinfettare i capezzoli (in particolare l'orifizio) con le apposite salviette incluse nella confezione. Togliere la protezione della cannula del tubo-siringa per l'inserimento parziale, mentre per la somministrazione completa è necessario rimuovere anche il cilindretto “parzializzatore”. Introdurre la cannula nel dotto del capezzolo ed iniettare l'intero contenuto del tubo-siringa. Sfilare la cannula, afferrare con le dita di una mano l'estremità del capezzolo e con il pollice e l'indice dell'altra mano spingere con delicatezza verso l'alto il prodotto contenuto nel dotto del capezzolo stesso. Massaggiare quindi con delicatezza con entrambe le mani il quarto spingendo sempre verso l'alto per far diffondere uniformemente il prodotto in tutta la cisterna. Dopo l'infusione è consigliabile immergere il capezzolo in una soluzione disinfettante e antisettica specifica per questo impiego.



Data ultimo aggiornamento scheda: 13/03/2019

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
A spasso con il cane: giocare con la palla
20 settembre 2020
Notizie e aggiornamenti
A spasso con il cane: giocare con la palla
Il cucciolo non è un giocattolo
25 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Il cucciolo non è un giocattolo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa