Milbemax Verde 48 tavolette masticabili per cani piccoli e cuccioli < 5 kg 2,5/25 mg

24 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Milbemax

Milbemax Verde 48 tavolette masticabili per cani piccoli e cuccioli < 5 kg 2,5/25 mg



TITOLARE:

Elanco GmbH

CONCESSIONARIO:

Elanco Italia S.p.A.

MARCHIO

Milbemax

CONFEZIONE

Verde 48 tavolette masticabili per cani piccoli e cuccioli < 5 kg 2,5/25 mg

FORMA FARMACEUTICA
compressa

ALTRE CONFEZIONI DI MILBEMAX DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
milbemicina + praziquantel

GRUPPO TERAPEUTICO
Endectocidi

RICETTA
ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
156,30 €

INDICAZIONI

A cosa serve Milbemax Verde 48 tavolette masticabili per cani piccoli e cuccioli < 5 kg 2,5/25 mg

è indicato nel cane per il trattamento di infestazioni miste da cestodi adulti e nematodi delle seguenti specie sensibili a praziquantel e milbemicina ossima: Cestodi: Dipylidium caninum, Taenia spp., Echinococcus spp., Mesocestoides spp. Nematodi: Ancylostoma caninum, Toxocara canis, Toxascaris leonina, Trichuris vulpis, Thelazia callipaeda, Crenosoma vulpis. Nel caso di Angiostrongylus vasorum, il prodotto è indicato per la riduzione del livello di infezione da parassiti in stadio adulto immaturo (L5) e adulto e in caso di Thelazia callipaeda (vedere lo schema di trattamento specifico). Il prodotto può essere impiegato anche nella prevenzione della filariosi cardiopolmonare (Dirofilaria immitis) qualora sia indicato un trattamento concomitante contro i cestodi.

MODO D'USO

Come si usa Milbemax Verde 48 tavolette masticabili per cani piccoli e cuccioli < 5 kg 2,5/25 mg

deve essere somministrato in modo da garantire un dosaggio minimo di 0,5 mg di milbemicina ossima e 5 mg di praziquantel per kg di peso corporeo. A seconda del peso corporeo del cane, il dosaggio è il seguente:
Peso corporeo: 1 – 5 kg; Milbemax compresse masticabili per cani di piccola taglia e cuccioli: 1 compressa masticabile
Peso corporeo: > 5 - 25 kg; Milbemax compresse masticabili per cani: 1 compressa masticabile
Peso corporeo: > 25 - 50 kg; Milbemax compresse masticabili per cani: 2 compresse masticabili
Peso corporeo: > 50 - 75 kg; Milbemax compresse masticabili per cani: 3 compresse masticabili
Per assicurare un dosaggio corretto, il peso corporeo degli animali deve essere determinato nel modo più accurato per evitare un sottodosaggio. Nei casi in cui si sta effettuando la profilassi della filariosi cardiopolmonare e allo stesso tempo è necessario il trattamento contro i cestodi, MILBEMAX può sostituire il prodotto monovalente per la profilassi della filariosi. Per il trattamento delle infezioni da Angiostrongylus vasorum, si deve somministrare milbemicina ossima per quattro volte ad intervalli di una settimana. Quando è indicato un trattamento concomitante contro i cestodi, si raccomanda di trattare una sola volta con MILBEMAX e poi di continuare con il prodotto monovalente contenente solo milbemicina ossima per le altre tre settimane di trattamento. Nelle aree endemiche la somministrazione del prodotto ogni quattro settimane previene l'angiostrongilosi riducendo la carica di parassiti adulti immaturi (L5) e adulti, qualora sia indicato un trattamento concomitante contro i cestodi. Per il trattamento di Thelazia callipaeda, si deve somministrare milbemicina ossima mediante due trattamenti a distanza di sette giorni l'uno dall'altro. Qualora sia indicato un trattamento concomitante contro i cestodi, il prodotto può sostituire il prodotto monovalente contenente soltanto milbemicina ossima. Milbemax compresse masticabili va somministrato in dose singola per via orale con o dopo aver somministrato dell'alimento.

AVVERTENZE

solo per uso veterinario.
Avvertenze speciali per ciascuna specie di destinazione: si raccomanda di trattare contemporaneamente tutti gli animali che vivono nello stesso ambiente. Quando è stata confermata l'infestazione da D.caninum, va considerato il trattamento concomitante contro gli ospiti intermedi, quali pulci e pidocchi per prevenire le reinfestazioni. L'impiego del prodotto deve avvenire a seguito dell'implementazione di appropriate misure diagnostiche nei confronti di infestazioni miste da nematodi e cestodi tenendo in considerazione la storia del cane e le sue caratteristiche (ad es. età, stato di salute), l'ambiente (ad.es. cani di canile, cani da caccia), il tipo di alimentazione (ad es. accesso a carne cruda), la localizzazione geografica e i viaggi. La valutazione dell'opportunità di somministrare il prodotto nei cani a rischio di re-infestazioni miste o in specifiche situazioni a rischio (quali rischi di zoonosi) deve essere effettuato dal veterinario responsabile.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: studi con la milbemicina ossima indicano che il margine di sicurezza in alcuni soggetti Collie o di razze correlate sia minore che in altre razze. In questi cani deve essere strettamente rispettato il dosaggio raccomandato. La tollerabilità del prodotto nei cuccioli di queste razze non è stata studiata. I segni clinici nei Collie sono simili a quelli osservati nella popolazione generale canina in caso di sovradosaggio. Il trattamento di cani con un numero elevato di microfilarie circolanti può talvolta portare alla comparsa di reazioni di ipersensibilità, quali mucose pallide, vomito, tremori, respirazione difficoltosa o salivazione eccessiva. Queste reazioni sono associate al rilascio di proteine dalle microfilarie morte o agonizzanti e non sono un diretto effetto tossico del prodotto. L'uso in cani con microfilaremia non è pertanto raccomandato. Nelle zone a rischio di filariosi, o in caso sia noto che il cane è andato o proviene da regioni a rischio di filariosi, prima di impiegare il prodotto, è consigliabile una visita veterinaria per escludere la presenza di infestazione concomitante da Dirofilaria immitis. In caso di diagnosi positiva, è indicata una terapia adulticida prima della somministrazione del prodotto. Non sono stati effettuati studi in cani gravemente debilitati o con grave compromissione della funzionalità renale o epatica. In tali soggetti il prodotto non è raccomandato o solo a fronte di una valutazione del rapporto rischio/beneficio effettuata dal veterinario. Nei cani di età inferiore a 4 settimane, l'infestazione da cestodi è rara. Pertanto il trattamento di animali di età inferiore a 4 settimane con una associazione può non essere necessario. Resistenza di un parassita a una particolare classe di antielmintici potrebbe svilupparsi in seguito all'uso frequente, ripetuto di un antielmintico di tale classe.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
A spasso con il cane: giocare con la palla
20 settembre 2020
Notizie e aggiornamenti
A spasso con il cane: giocare con la palla
Il cucciolo non è un giocattolo
25 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Il cucciolo non è un giocattolo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa