Terlipressina Dr. Reddy's

16 gennaio 2021

Terlipressina Dr. Reddy's


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Terlipressina Dr. Reddy's (terlipressina acetato idrato)


Terlipressina Dr. Reddy's è un farmaco a base di terlipressina acetato idrato, appartenente al gruppo terapeutico Ormoni antidiuretici. E' commercializzato in Italia da Dr. Reddy's S.r.l. a socio unico

Confezioni e formulazioni di Terlipressina Dr. Reddy's disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Terlipressina Dr. Reddy's disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Terlipressina Dr. Reddy's e perchè si usa


  • Trattamento delle emorragie digestive causate da rottura di varici esofago-gastriche.
  • Trattamento di emergenza della sindrome epatorenale di tipo 1, definita in accordo al criterio dell'International Club of Ascites (ICA).

Indicazioni: come usare Terlipressina Dr. Reddy's, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti:

Emorragie digestive da rottura di varici esofago-gastriche

La dose raccomandata è di un‘iniezione endovenosa in bolo di Terlipressina Dr. Reddy´s ogni 4 ore, a seconda del peso corporeo del paziente, la dose può essere regolata come segue:
  • peso inferiore a 50 kg: 1 mg (1 fiala da 8,5 ml)
  • peso da 50 kg a 70 kg: 1,5 mg (1,5 fiale da 8,5 ml)
  • peso superiore a 70 kg: 2 mg (2 fiale da 8,5 ml).
Il trattamento deve essere continuato per 24 ore consecutive fino al controllo dell'emorragia o per un massimo di 48 ore. Dopo l'iniezione iniziale, le seguenti dosi possono essere ridotte a 1 mg (1 fiala) per via endovenosa ogni 4 ore, se necessario, a causa dell'insorgenza di effetti collaterali.

Sindrome epatorenale

Si raccomanda di iniziare il trattamento con 1 mg (1 fiala) di terlipressina ogni 6 ore per almeno 3 giorni. Se dopo 3 giorni di trattamento la riduzione della creatinina sierica è inferiore al 30% rispetto al livello basale, deve essere valutato il raddoppiamento della dose a 2 mg (2 fiale) ogni 6 ore.

La terapia con terlipressina deve essere interrotta se non vi è alcuna risposta al trattamento (definita come una diminuzione della creatinina sierica inferiore al 30% al giorno 7 dal valore basale) o in pazienti con risposta completa (valori di creatinina sierica inferiore a 1,5 mg/dl per almeno due giorni consecutivi).

Nei pazienti con risposta incompleta (diminuzione della creatinina sierica di almeno il 30% rispetto al basale, ma senza raggiungere un valore inferiore a 1,5 mg/dl al giorno 7), il trattamento con terlipressina può essere mantenuto fino a un massimo di 14 giorni.

In caso di recidiva della sindrome epatorenale dopo una risposta completa, il trattamento con terlipressina può essere effettuato di nuovo secondo criterio medico.

Nella maggior parte degli studi clinici che supportano l'uso di terlipressina per il trattamento della sindrome epatorenale, è stata somministrata contemporaneamente albumina umana alla dose di 1 g/kg per peso corporeo il primo giorno e poi alla dose di 20 - 40 g/die.

La durata abituale del trattamento per la sindrome epatorenale è di 7 giorni, e la durata massima è di 14 giorni.

Anziani

Terlipressina Dr. Reddy‘s deve essere usato con cautela nei pazienti di oltre 70 anni (vedere paragrafo 4.4) con malattia cardiovascolare in atto o in anamnesi.

Popolazione pediatrica

Particolare cautela deve essere esercitata nel trattamento dei bambini, dato che l'esperienza in questo gruppo è limitata (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza renale

Terlipressina Dr. Reddy‘s deve essere usato con cautela nei pazienti con insufficienza renale cronica (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza epatica

Nei pazienti con insufficienza epatica non è richiesto un aggiustamento della dose.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Terlipressina Dr. Reddy's


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Gravidanza.

Terlipressina Dr. Reddy's può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Il trattamento con Terlipressina Dr. Reddy‘s durante la gravidanza è controindicato (vedere paragrafi 4.3 e 5.3).

Terlipressina ha dimostrato di causare contrazioni uterine, maggiore pressione intrauterina e diminuzione del flusso di sangue uterino. Terlipressina Dr. Reddy‘s ha effetti dannosi sulla gravidanza e sul feto.

Nei conigli dopo trattamento con terlipressina sono stati dimostrati aborto spontaneo e malformazioni nei feti.

Non ci sono informazioni sufficienti su come terlipressina venga escreto nel latte materno. Terlipressina Dr. Reddy's non può essere utilizzato nelle donne che allattano al seno.


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa