Nevralgia del trigemino: le terapie efficaci

16 ottobre 2019

Nevralgia del trigemino: le terapie efficaci


Il trigemino è il nervo responsabile della sensibilità del viso e del controllo dei muscoli della masticazione.
"La nevralgia del trigemino -  spiega il Dott. Luigi Berra, Dirigente Medico dell'Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia del Policlinico Umberto I - Sapienza Università di Roma - si manifesta con crisi di dolore insopportabile che generalmente colpiscono metà viso e possono essere evocate da normali attività come parlare, masticare e lavarsi il viso".


La diagnosi di nevralgia del trigemino


L'inquadramento diagnostico prevede una attenta anamnesi. La raccolta particolareggiata del tipo di dolore, della frequenza degli attacchi, degli eventi scatenanti, delle zone del viso colpite, delle eventuali patologie associate ed interventi chirurgici o odontoiatrici pregressi, sono tutte informazioni che aiutano il medico ad indirizzarsi verso una corretta diagnosi.
La visita deve essere accurata. Devono essere indagate le patologie del cavo orale con una valutazione odontoiatrica ed eventualmente con RX ortopanoramica o TC del massiccio facciale ed una RM encefalo. In alcuni casi è utile effettuare degli studi elettrofisiologici (elettromiografia e potenziali evocati trigeminali).


Le cause della nevralgia del trigemino


Le cause possono essere primarie o secondarie. Per cause primarie si intendono problemi intrinseci del nervo che, possono essere di tipo degenerativo o dovute alla presenza di un conflitto neuro-vascolare ovvero il contatto da parte di un vaso (arteria o vena) con il nervo che attraverso le pulsazioni lo danneggia progressivamente. Le cause secondarie sono meno frequenti e consistono nei danni causati al nervo trigemino da altre patologie (infiammatorie, infettive o tumorali).

Come curare la nevralgia del trigemino

La terapia di prima scelta è di tipo farmacologico. Inizialmente possono essere utili degli integratori neurotrofici ed antinfiammatori. Se il dolore non recede si utilizzano farmaci più specifici che, vanno ad interferire con la conduzione nervosa.
Nei casi in cui la terapia farmacologica non è sufficiente esistono rimedi chirurgici sicuri ed efficaci. E' possibile effettuare interventi percutanei. Questa tecnica si avvale di un ago che penetra fino alla porzione intracranica del nervo dove si effettua una lesione controllata con utilizzo di radiofrequenza, iniezione di glicerolo o attraverso una compressione con palloncino. L'intervento di micro decompressione vascolare è un intervento di microchirurgia in cui si va ad esplorare il nervo che viene liberato dai contatti patologici con i vasi sanguigni.
In mani esperte si tratta di interventi molto sicuri, che hanno un tasso di successo elevato. Il Dr Berra effettua ogni anno decine di interventi di tutti i tipi per la nevralgia del trigemino.


Dott. Luigi Berra
Medico Chirurgo
Specialista in Neurochirurgia
Dirigente Medico UOC Neurochirurgia
Policlinico Umberto I _ Sapienza Università di Roma


Vedi anche:


Ultimi articoli
Hai problemi di memoria?
14 novembre 2019
I quiz della salute
Hai problemi di memoria?
Farmaci per bocca: come spezzare le compresse
12 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Farmaci per bocca: come spezzare le compresse
Vitamina D: un vademecum di AIFA
06 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D: un vademecum di AIFA