RX (Radiografia)

15 dicembre 2019

Esami diagnostici

RX (Radiografia)


Che cos’è?


La radiografia tradizionale (esame Rx) è un esame strumentale non invasivo che utilizza i raggi X: un fascio di raggi X attraversa gli organi e i tessuti del paziente e va a impressionare la pellicola radiografica, sulla quale si forma un'immagine fedele e precisa nella quale si distinguono le strutture e i tessuti dell'organismo.

Perché si fa?


È un esame facile e veloce, detto di primo livello (cioè, che si esegue per primo nella fase diagnostica), usato per evidenziare le eventuali alterazioni anatomiche di un organo prodotte da cause e malattie diverse.

Rx delle ossa: serve per evidenziare fratture, lesioni (artrosi e artrite), tumori o parti dell'osso più o meno mineralizzate.
Rx torace e polmoni: serve per diagnosticare polmoniti, bronchiti e cancri polmonari, ma anche per delimitare il profilo del cuore.
Rx in medicina legale: serve per evidenziare la presenza di schegge o anche di proiettili eventualmente conficcati in organi e tessuti.
Rx in odontoiatria: serve per individuare la presenza di un ascesso dentario e per verificare la posizione dei denti lungo l'arcata dentaria.
Rx in gastroenterologia: serve per evidenziare ulcere, bolle gastriche, tumori, polipi e diverticoli (questo esame è stato soppiantato dall'endoscopia).


In pratica

La persona da esaminare generalmente sta in piedi e la parte del corpo da analizzare viene messa a contatto con la macchina generatrice di radiazioni.
In alcuni casi è necessario far bere al paziente prima un mezzo di contrasto (liquido radio-trasparente o radio-opaco) che serve per evidenziare i contorni dell'organo da studiare.

Come prepararsi
La radiografia non è un esame pericoloso né richiede particolari preparazioni da parte del paziente, eccetto i casi di radiografie intestinali, per le quali è necessaria un'accurata pulizia intestinale.
L'unica controindicazione all'esecuzione di una Rx è per le donne in gravidanza: i raggi X, infatti, potrebbero danneggiare il feto in quanto si tratta di un organismo composto da tessuti in sviluppo.

E dopo?
Il paziente può tornare subito dopo alle normali attività. La radiografia verrà esaminata dal medico radiologo e il paziente riceve i risultati commentati in un paio di giorni.



Guida alle analisi mediche:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Storta alla caviglia: cosa fare
27 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Storta alla caviglia: cosa fare
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube