Cerco una risposta

05 maggio 2006

Cerco una risposta




02 maggio 2006

Cerco una risposta

Salve, sono un ragazzo di 25 anni, affetto da talassemia intermedia dalla nascita. Ho sentito molto parlare della nuova tipologia di trapianto da hla non perfettamente identico. Premetto in partenza che non ho mai effettuato alcun tipo di trasfusione, ma solo una cura farmacologica di supporto in altre parole vitamine, e mantenendo il ferro basso con una dieta appropriata. Vorrei chiederle, con una talassemia intermedia, potrei usufruire anche io del trapianto? O è indicato solo per talassemia mayor? Ci sono novità in base ai trapianti da midollo o sangue periferico? In attesa di una sua risposta le porgo i miei più sentiti saluti.

Risposta del 05 maggio 2006

Risposta a cura di:
Dott. PIER PAOLO PICCALUGA


Gentile Signore,
il trapianto di midollo osseo allogenico è di solito riservato alle forme più gravi di Talassemia (e, naturalmente, ad altre malattie). In particolare, in casi come il suo non essendovi necessità trasfusionale, nè apparenti (mi corregga se sbaglio) limitazioni significative nella vita di relazione (ovvero in tutte le sue attività quotidiane) il trapianto non è consigliato. Mi sembra che la terapia con vitamine emoattive sia adeguata. Non è necessario limitare l'apporto di ferro con la dieta (non facendo trasfusioni non rischia un sovraccarico).
Infine, grazie alla ricerca ci sono continuamente novità riguardo ai trapianti di cellule staminali emopoietiche, e riguardano vari aspetti della procedura. Sarebbe limitativo riferirne in poche righe.
Rimango, comunque, a sua disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti
Pier Poalo Piccaluga

Dott. Pier Paolo Piccaluga
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Universitario
Specialista in Ematologia

Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa