Colon irritabile e candida albicans

15 aprile 2013

Colon irritabile e candida albicans




11 aprile 2013

Colon irritabile e candida albicans

Salve, sono un uomo di 34 anni, intollerante al lattosio da 2 anni a seguito di una violentissima influenza gastrointestinale(Breath test altamente positivo) e con la Sindrome del colon irritabile da circa 10 anni.
Specifico che da 20 anni circa sono un atleta agonista di buon livello e svolgo attività fisica regolare 4 volte a settimana.

Per l'intolleranza al lattosio al bisogno prendo SILACT FAST, per il colon irritabile Spasmomen Somatico e IBS ACTIVE

Poichè negli ultimi 6-8 mesi gli episodi di diarrea si sono accentuati, ho eseguito vari esami del sangue (tutti negativi, anche quello per la celiachia), esame urine + feci + sangue occulto negativo.
Non ho eseguito coprocoltura.
Da un pò però ho astenia pressochè cronica, stanchezza articolare (ginocchia e caviglie soprattutto), occhi spesso rossi, cefalee. . .
Il gastroenterologo ( che come unica cosa da fare dice solo e sempre la colonscopia. . . Che sinceramente vorrei tenermi come ultimissima spiaggia. . . )
da cui sono in cura no ma il mio medico di famiglia ipotizza possa trattarsi di Candida Albicans. . .

E' possibile. . ?
Quali sono le spie? esami da fare ??

Grazie per l'attenzione, aspetto fiducioso una risposta. . . Ultimamente la mia vita è davvero un inferno e non so proprio piuù come venirne a capo.

Cordiali saluti

Risposta del 12 aprile 2013

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Se vi è una candida, la si ritrova facilmente con un esame delle feci, specificando ricerca della candida ( e aggiungerei anche quella dell'aspergyllum). Forse nel suo caso la colomscopia non è ancora necessaria, ma noi la consigliamo a tutti, intorno alla quarantina di anni, a scopo preventivo, indipendentemente dai sintomi.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)
Risposta del 15 aprile 2013

Risposta a cura di:
Dott. MAURIZIO QUATRINI


L'esame delle feci consente di valutare sia la digestione che la presenza di infezioni significative inclusa quella da candida, peraltro già presente nel grosso bagaglio di germi vari che costituiscono le nostre feci. Una terapia farmacologica mirata può essere indicata anche se per lo piu'non dà grossi risultati clinci. In questi soggetti l'alimentazione attenta povera di farinacei oltre che di latticini in genere da risultati soddisfacenti anche se non stabili.

MQ

Dott. Maurizio Quatrini
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Medicina interna
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa