Diverticolite

21 giugno 2021

Diverticolite: cause, sintomi e cure


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Indice


Definizione


Diverticolite: definizione e generalità


Sindrome dovuta all'infiammazione o all'infezione dei diverticoli, piccole sacche che si possono formare lungo le pareti dell'intestino tenue o, più frequentemente, crasso (colon). La presenza di diverticoli non infiammati prende il nome di diverticolosi.


Cause


Diverticolite: cause principali


Fra le cause di diverticolite vi sono la familiarità e l'età (la malattia generalmente compare con l'invecchiamento). In presenza di un indebolimento dello strato muscolare del colon, una pressione anormale, provocata da movimenti intestinali irregolari o da stipsi, può determinare il cedimento dei tessuti, provocando la formazione di sacche o diverticoli. L'accumulo di particelle di cibo o di materiale fecale all'interno dei diverticoli, e la loro digestione da parte dei batteri normalmente presenti nel colon, può quindi provocare infiammazione e infezione.


Sintomi

Diverticolite: sintomi più comuni


La semplice presenza di diverticoli può essere asintomatica oppure produrre crampi o lievi dolori addominali, diarrea e sangue nelle feci. Se si sviluppa una diverticolite, possono comparire dolore, di solito nella parte inferiore sinistra dell'addome, e febbre.


Diagnosi

Diverticolite: come efftuare la diagnosi


Per accertare la diverticolite si ricorre al clisma opaco, che si esegue inserendo un mezzo di contrasto contenente bario mediante catetere nel retto per avere un'immagine radiografica della zona. In alternativa si può ricorrere alla sigmoidoscopia o alla colonscopia, se necessario prelevando anche campioni di tessuto (biopsia). La TAC può essere utilizzata nei casi a rischio di perforazione intestinale.


Cure

Diverticolite: cure e rimedi


La diverticolosi solitamente non richiede terapia, a parte l'assunzione di alte quantità di fibre e di molti liquidi. Nelle forme lievi di diverticolite, queste misure e l'assunzione di antibiotici orali sono sufficienti a ridurre la sintomatologia. I casi più gravi di diverticolite possono richiedere il ricovero in ospedale, la somministrazione di antibiotici endovena e, se non ci sono miglioramenti, un intervento chirurgico per asportare la porzione di intestino che presenta i diverticoli.


Cure complementari

L'aloe vera è utile contro la stipsi.


Alimentazione

E' importante assumere probiotici per ripristinare la flora batterica intestinale (preferibilmente lactobacillus acidophilus o bifidobacterium bifidum). Una dieta che eviti la stitichezza è essenziale: basse quantità di carboidrati e abbondanza di proteine di origine vegetale e pesce, evitando i carboidrati raffinati. Durante la fase acuta dell'infiammazione gli alimenti devono essere morbidi, facilmente digeribili e accompagnati da molti liquidi. Poi, per prevenire le recidive, è utile una dieta ad alto contenuto di fibre (contenente cereali, crusca, frutta, verdure cotte al vapore, piselli secchi e fagioli).


Farmaci

Di seguito è riportato l'elenco dei principi attivi maggiormente utilizzati nella cura di questa patologia. E' sempre necessario consultare il proprio medico per la scelta di un farmaco, del principio attivo e della posologia più indicati per il paziente.

Tags:

Patologie e sintomi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
La stipsi nel paziente cronico
Stomaco e intestino
30 marzo 2021
Sintomi
La stipsi nel paziente cronico
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI
Stomaco e intestino
22 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI