Appendicite

29 agosto 2017

Appendicite


Indice


Definizione


Malattia infiammatoria acuta, ricorrente o cronica dell'appendice cecale, un piccolo diverticolo situato nella parte iniziale del colon.


Cause


L'infiammazione è generalmente causata da un'ostruzione interna all'appendice, evento favorito dalla ricchezza di tessuto linfatico e dalla ristrettezza del diametro interno, specie nei giovani e negli anziani. L'occlusione può essere dovuta al ristagno di materiale ingerito, all'ipertrofia dei follicoli linfatici in risposta ad un'infezione o alla presenza di un corpo estraneo (come calcoli biliari, neoplasie o parassiti intestinali) e scatena il processo infiammatorio e infettivo che prende il nome di appendicite.


Sintomi

Visualizza le schede dei sintomi più comuni per questa patologia:
Il primo sintomo dell'appendicite consiste in un dolore diffuso all'addome che si intensifica in alcune ore spostandosi verso il quadrante inferiore destro dell'addome, che diventa molto sensibile persino a lievi pressioni. Alcune persone presentano per molti giorni solo un dolore lieve e discontinuo. Spesso il dolore è accompagnato da nausea, vomito e febbre; in alcuni casi da diarrea, dolore diffuso alla coscia e alla gamba destra. Un'appendice infiammata si può rompere provocando una peritonite, ossia un'infezione della parete addominale potenzialmente letale. In caso di peritonite le condizioni peggiorano rapidamente, si è colpiti da febbre, pallore, sudorazione e dolore addominale intenso.


Diagnosi

La diagnosi di appendicite viene formulata dal medico sulla base essenzialmente di dati clinici: la sintomatologia e l'esame obbiettivo dell'addome. L'analisi del sangue è utile per controllare la presenza di segni di infezione aspecifici (aumento del numero dei globuli bianchi e degli indici di infiammazione). Gli esami strumentali, in particolare l'ecografia, raramente risultano decisivi per la diagnosi, ma possono servire a escludere altre patologie (per esempio, patologie ginecologiche nelle giovani donne).


Cure

L'unica terapia risolutiva nelle forme acute è l'intervento chirurgico di asportazione dell'appendice (appendicectomia), che può essere eseguito nel modo tradizionale o in laparoscopia. In attesa dell'intervento, non vanno assunti antidolorifici e purganti, mentre è indicata una dieta liquida ed un'eventuale terapia antibiotica. Nelle forme perforate, può essere necessario somministrare per qualche giorno antibiotici prima di procedere all'intervento.


Cure complementari

Omeopatia e agopuntura consigliati dopo l'intervento per accelerare il processo di guarigione.


Alimentazione

Una dieta raffinata e povera di scorie, rallentando la velocità di transito intestinale e provocando un mutamento negativo della flora batterica, favorisce la comparsa di appendicite. Dopo l'intervento chirurgico è utile invece assumere alimenti liquidi come il brodo, i succhi di frutta o verdura e le tisane. Per riabilitare gradualmente il sistema digerente al cibo, assumere minestre, mele e verdure cotte, spremute di frutta. Evitare i cibi che producono gas come i legumi e i formaggi stagionati.



Patologie e sintomi:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube