Ecotomografia

13 giugno 2006

Ecotomografia


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


09 giugno 2006

Ecotomografia

ho eseguito una visita andrologica e un ecotomografia alla prostata e allo scroto, con il seguente esito: Vescica normodistesa, pareti elastiche. Non si documentano alterazioni strutturali significative a carico del profilo della mucosa. Lume indenne. Lo studio della prostata per via sovrapubica mette in evidenza una ghiandola di volume lievemente superiore alla norma (DL=46 DT=41 DAP=38 mm. ) ad ecostruttura finemente disomogenea nel suo contesto. Si segnalano alcune calcificazioni intra-parenchimali. In sede mediana si documenta, altresì, la presenza di una formazione rotondeggiante anecogena (diam. max 7 mm. ), riferibile a cisti da ritenzione. Profilo ghiandolare apparentemente mantenuto. Didimi in sede, di volume regolare il destro, lievemente inferiore alla norma il sinistro. Non si documentano alterazioni morfologiche e strutturali a carico del parenchima ghiandolare bilateralmente. DxDT=35DAP=18mm. SnDT=28DAP=14mm. A carico della testa di entrambi gli epididimi, che appaiono di volume superiore alla norma, si documentano alcune formazioni rotondeggianti anecogene, in parte confluenti, di dimensioni variabili da 3 a 10 mm. max, riferibili a cisti a contenuto liquido. Bilateralmente si segnala la presenza di liquido libero, più abbondante a destra, riferibile ad idrocele. A sinistra si documenta modica ectasia del plesso vascolare pampiniforme, come da varicocele di grado 1-2. Sacco scrotale indenne. cosa ne pensa?quali tra i fattori riscontrati, possono essere responsabili di oligospermia?

Risposta del 13 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. RENZO BENAGLIA


Gentile Utente,
non è facile rispondere alla sua domanda senza averla visitata. L'ecografia scrotale a mio modo di vedere (di Andrologo e ecografista) evidenzia una ipotrofia testicolare bilaterale (più accentuata a sinistra). La presenza di cisti epididimarie a maggior ragione se di modesto diametro come le sue non costituiscono un fattore di rischio di riduzione della qualità seminale. Per quanto riguarda le vie seminali distali non vengono menzionate le vescicole seminali e in ogni caso chi si occupa di Medicina della riproduzione sa che per una valutazione corretta del maschio ll'ecografia va fatta TRANSRETTALE e non sovrapubica (inutile!).
Ad esempio la cisti intraprostatica potrebbe essere estremamente mportante per il suo problema seminale. esistono cisti localizzate in posizione tale da ostruire parzialmente o totalmente i canali dello sperma per cui merita una valutazione decisamente più approfondita.

Si faccia seguire da un Andrologo competente.

Un cordiale saluto

Dott. renzo benaglia
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
BERGAMO (BG)

Ultime risposte di Sessualità

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa