Esofagite

22 aprile 2015

Esofagite




17 aprile 2015

Esofagite

Buonasera. . vorrei un consiglio sull'utilizzo dei farmaci inibitori di pompa. . soffro di Esofagite da reflusso da molti anni, diagnosticata con egds. . mi è stato prescritto l'esomeprazolo come rimedio. . . ho sempre sofferto di bruciori e acidità fin da ragazza. . . man mano i sintomi sono peggiorati. . . stavo bene solo quando ero coperta dall'inibitore. . . l'egds non è peggiorata ma appena cerco di smettere il farmaco torna il bruciore forte associato da afta in bocca e vari altri disturbi. . . sono diventata una tossicodipendente da esomeprazolo. . . che fare? io vorrei liberarmi da questa dipendenza. . . . grazie della vostra cortese attenzione. . Laura

Risposta del 22 aprile 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Se i disturbi si ripresentano forti quando sospende i farmaci, non può che proseguire la cura. L' alternativa è un intervento, o chirurgico o endoscopico, per eliminare o ridurre il reflusso. Ma questo può essere stabilito solo dal chirurgo - endoscopista dopo avere eseguito tutti gli esami necessari. Un' altra alternativa, almeno per ora, può essere quella di sostituire per un certo periodo l' inibitore di pompa con la ranitidina alla dose di 300 mg due volte al giorno.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino


Vedi anche:


Ultimi articoli
Rettorragia
26 novembre 2019
Sintomi
Rettorragia
Disbiosi intestinale: come si cura
22 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Disbiosi intestinale: come si cura
Cos’è la disbiosi intestinale
15 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Cos’è la disbiosi intestinale
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube