Esofagite

08 novembre 2016

Esofagite


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


08 novembre 2016

Esofagite

Esofagite di 2° grado diagnosticatami circa 6 anni fa. Per almeno 5 anni ho preso esomeprazolo ma da circa un anno - dietro consiglio del mio medico che mi ha messo in guardia dagli effetti collaterali - ho sospeso e utilizzo unicamente il Gaviscon unitamente ad una alimentazione attenta. Il fatto che sto bene e non ho sintomi (acidita'o dolori) se non quando saltuariamente mangio troppo o vado al ristorante (e in questi casi specifici prendo una pillola di esomeprazolo e mi passa ), puo'farmi stare tranquillo riguardo allo stato della mia Esofagite?

Risposta del 08 novembre 2016

Risposta a cura di:
Dott.ssa MADDALENA ZIPPI


Generalmente le esofagiti sono secondarie ad un reflusso gastro-esofageo, che si configura come patologia cronica. Pertanto, il più delle volte si consigliano cicli di terapia con farmaci come l'esomeprazolo (che ha assunto ), soprattutto durante i cambi stagione.
Assumere una pillola al bisogno non trova nessun razionale. Consigliata terapia per almeno 10 giorni.
Se si dovessero ripresentare i sintomi iniziali, soprattutto in corso di terapia idonea, potrebbe risottoporsi a gastroscopia, previo parere del suo curante. Per il momento non mi sembra di ravvisare, da quello che dice, la necessità di un controllo endoscopico essendo asintomatico.
cordiali saluti.

Maddalena Zippi
Medico Ospedaliero
Specialista in Gastroenterologia
Roma (RM)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa