Incontinenza cardiale

25 novembre 2020

Incontinenza cardiale


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


16 novembre 2020

Incontinenza cardiale

Salve, sono una ragazza di 23 anni. Da 10 anni soffro in maniera costante di risalita di succhi gastrici tutte le notti. Vivo in Sicilia ma nessuno riesce ad aiutarmi. Mi hanno diagnosticato un incontinenza cardiale qualche anno fa facendo una gastroscopia. I medici mi hanno sempre dato solo farmaci che non hanno mai risolto la mia situazione. Ho provato a curare l'alimentazione, a dormire quasi seduta, ad aspettare ore prima di andare a letto ma niente di tutto ciò incluso l'uso di farmaci mi aiuta a migliorare questo disturbo. Pensa che dovrei rivolgermi alla chirurgia? La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti

Risposta del 25 novembre 2020

Risposta a cura di:
Dott. CARLO CONCHEDDA


La malattia da reflusso gastro esofageo così sintomatica dovrebbe essere ulteriormente indagata con una Phmetria e una manometria manometria.
Si dovrebbe anche escludere, con un esame radiologico contrastografico dell'esofago e dello stomaco, una eventuale ernia iatale. Si dovrebbe anche valutare e stadiare l'eventuale esofagite associata.
La risoluzione chirurgica è indicata in caso di esofagite di grado importante e/o dall'importanza dei sintomi in relazione alla qualità della vita.
Un saluto.

Dott. carlo conchedda
Casa di cura privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
SASSARI (SS)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa