Pareri spermiogramma

02 marzo 2021

Pareri spermiogramma


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


26 febbraio 2021

Pareri spermiogramma

Buongiorno dottore, ho 33 anni e già un bimbo avuto da una precedente relazione, nessun problema ginecologico. Io e il mio compagno stiamo provando ad avere un bambino da 1 anno. In quest anno il mio compagno è stato in cura da un andrologo che gli ha curato un'infezione da entercocco fecalis, emersa da un primo spermigramma con motilità totale del 19%, numero spermatozoi 8, 9mil/ml, immobili 81%. L'andrologo disse che questi valori bassi erano dovuti all'infezione. Dopo 2 cicli di antibiotico l'infezione è sparita e l'andrologo gli ha prescritto l'integratore Genante, una compressa al giorno per 3 mesi. Passati i 3 mesi la settimana scorsa ha ripetuto lo spermiogramma in una clinica diversa e la moralità totale è 35% (rapida 0%) quantità spermatozoi 6mil/ml, immobili 38% forme normali 2%. Ha fatto anche gli esami ormonali e risulta basso anche il testosterone 2. 3 ng/ml. Gli altri valori degli esami ormonali sono: FT4 0. 86ng/dl TSH 1, 9585uU/ml FSH 6, 14uU/ml prolattina 6, 93 ng/ml LH 5 uU/ml 17-beta estradiolo < 10 pg/ml numero spermatozoi 6. 000. 000/ml volume 3. 2 ml ha eseguito anche ecografia della prostata ed è tutto ok l'andrologo gli ha prescritto 2 compresse di Roven 4 mesi se non va bene dovrá fare delle siringhe di stimolazione ormonale. Con questi valori dello spermiogramma è possibile restare incinta naturalmente? è sufficiente l'integratore Roven? In cosa consiste questa stimolazione ormonale?

Risposta del 02 marzo 2021

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI BERETTA


Gentile lettore,

i numeri, da lei riferiti, potrebbero già spiegare il problema ad avere un secondo bimbo ma ora bene consultare in diretta un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione clinica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Specialista in Andrologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Salute maschile

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa