Spondilite anchilosante, la riabilitazione migliora gli esiti

21 aprile 2011

News

Spondilite anchilosante, la riabilitazione migliora gli esiti


spondilite anchilosante colonna esercizio fisico

Combinando la riabilitazione basata su esercizi intensivi di gruppo e un programma di educazione comportamentale si possono ottenere risultati promettenti nei pazienti con spondilite anchilosante in trattamento con farmaci specifici. Lo ha dimostrato uno studio condotto su 62 pazienti avviati a tre tipi di trattamento. In un gruppo è stata proposta una riabilitazione unitamente a un programma di educazione comportamentale, in un secondo gruppo solo un programma educazionale, in un terzo gruppo, non sono stati proposti programmi specifici. Il programma di educazione comportamentale includeva due incontri con i pazienti e 12 sessioni di esercizio riabilitativo che potevano in seguito essere praticati a domicilio. L'esito è stato valutato, dopo due mesi e dopo sei mesi, in base all'intensità del dolore spinale nelle precedenti 4 settimane attraverso auovalutazione ma anche attraverso l'impiego di indici di funzionalità fisica e di attività di malattia, l'esame dell'espansione toracica e del range di mobilità della colonna lombare e cervicale. Gli autori dell'indagine, condotta nei dipartimenti di Medicina riabilitativa e di Medicina clinica e sperimentale dell'università di Padova, hanno così potuto dimostrare che, dopo 2 mesi, nel gruppo avviato a riabilitazione si sono ottenuti significativi miglioramenti in tutti i parametri usati per fare le valutazioni La funzionalità fisica Basfi e i punteggi sul dolore lombare e cervicale sono migliorati sia nel gruppo riabilitazione sia in quello sottoposto a educazione comportamentale. I positivi risultati raggiunti nei pazienti del gruppo riabilitazione si sono mantenuti anche dopo sei mesi di follow-up.


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube