Dolce casa, ma poco sicura

10 febbraio 2014

News

Dolce casa, ma poco sicura


incidenti domestici

Sentirsi "come a casa propria", alla luce dell'ultimo rapporto del Ministero della salute sugli incidenti domestici, equivale a sentirsi terribilmente in pericolo: tra le pareti domestiche, infatti, si consumano ogni anno poco meno di tre milioni di incidenti.

Ciascuno di noi, facendo la media, ha ogni anno il 5 per cento di probabilità di restarne vittima, in misura più o meno grave, anche se in realtà il rischio è maggiore per chi è in età avanzata e in particolare per le donne. Le cadute sono il nemico numero uno della sicurezza domestica, e ancor più di quella delle persone ospiti di case di cura e ospedali (qui il pericolo di una caduta rovinosa triplica).

Circa due terzi degli incidenti - secondo i dati raccolti dal Sistema informativo sugli infortuni in ambienti di civile abitazione dell'Istituto superiore di sanità -sono motivo di una visita d'urgenza in Pronto soccorso: si stima che nel 2012, in Italia siano finite in Ps per incidente domestico oltre un milione 825mila persone, tra cui:

• il 20 per cento circa di bambini fino ai 14 anni,
• il 30 per cento di giovani e adulti tra i 15 e i 49 anni,
• il 22 per cento di età matura (compresa tra 50 e 69 anni)

• il 28 per cento di ultrasettantenni.


Le cause più frequente sono così ripartite:

• caduta/inciampo/salto/spinta da un'altezza non specificata (29,7 per cento)

• caduta a livello (11,9 per cento)

• urti (15,5 per cento)

• incidenti con oggetti penetranti o taglienti (11,8 per cento).


Complessivamente, le cadute di vario tipo ammontano da sole a una percentuale prossima al 50 per cento dei casi (47,9 per cento), che tende a salire con l'aumentare dell'età, soprattutto a causa di problemi di postura, vertigini o disturbi della vista non corretti adeguatamente, spesso acuiti dl fatto che le case delle persone anziane non sono illuminate in modo appropriato, causando abbagliamenti o più di frequente lasciando in ombra intere zone, inciampi compresi.


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube