Semaforo rosso per il cellulare alla guida

14 febbraio 2014

News

Semaforo rosso per il cellulare alla guida


cellulare; guida

Le statistiche sugli incidenti d'auto parlano chiaro: in un caso su quattro, il guidatore è distratto dall'uso del cellulare, con esiti spesso catastrofici: «È tempo di fare qualcosa, in un quarto degli incidenti stradali negli Stati Uniti è coinvolto l'uso del telefonino, e anche se gli studi sull'argomento tardano a trarre conclusioni definitive sul nesso di causalità, non possiamo aspettare oltre» dicono in un editoriale pubblicato sul British medical journal Charles e Barry Pless, il primo medico di famiglia, e il secondo professore emerito alla McGill University di Montreal, in Canada.

L'accusato numero uno è l'invio di sms, o texting come si chiama in inglese, che comporta una distrazione su più fronti, impegnando non solo il cervello e una mano ma anche la vista. Segue nella lista l'uso classico del telefono, tenuto all'orecchio. L'uso dell'auricolare o del vivavoce è decisamente più sicuro, ma è anch'esso associato a un modesto aumento di pericolo: «I conducenti che usano il cellulare, vivavoce o no, sono meno consapevoli di ciò accade sulla strada intorno a loro: hanno difficoltà a scorgere i segnali stradali, faticano a mantenere una traiettoria diritta nella corsia di marcia e a mantenere una velocità costante. Inoltre reagiscono più lentamente e frenano in ritardo» spiegano i due autori.

«La soluzione deve essere tecnologica e non solo repressiva con multe e sanzioni» concludono. «La soluzione tecnica più riuscita sarebbe quella capace di bloccare sms e conversazioni solo per il conducente, permettendo al passeggero di usare il cellulare come vuole. Gli studi sull'argomento devono continuare, ma se nel frattempo si fa poco o nulla e le conseguenze possono essere disastrose».


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube