Il trattamento del dolore acuto con paracetamolo nell’adulto

04 novembre 2022
Aggiornamenti e focus, Speciale Paracetamolo

Il trattamento del dolore acuto con paracetamolo nell’adulto



Tags:
Il paracetamolo rappresenta uno dei farmaci da banco o su prescrizione più comunemente utilizzati al mondo, per il trattamento del dolore e della febbre. È contraddistinto da un profilo farmacologico unico, che include una potente azione analgesica e antipiretica. (1,2)

Il paracetamolo è, inoltre, caratterizzato da un profilo di tollerabilità favorevole, con effetti collaterali minori in termini di disturbi gastrointestinali o a livello renale e cardiovascolare, contrariamente a quanto avviene per altre molecole utilizzate nel trattamento del dolore, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e, in alcuni casi, oppioidi. (1)

Grazie a queste sue peculiarità, il paracetamolo è inserito in diverse linee guida come farmaco di prima scelta nella gestione del dolore. (1) Infatti, il paracetamolo può essere utilizzato e ha dimostrato la sua efficacia terapeutica per il trattamento di diverse tipologie di dolore, sia acuto che cronico. (1) Nel tempo, sono state sviluppate varie formulazioni di paracetamolo. (1)

Il dolore acuto è considerato come un fenomeno fisiologico, limitato nel tempo, che rappresenta una risposta protettiva rispetto a uno specifico danno occorso all'organismo. Si tratta di un disturbo che si risolve quindi quando la lesione o l'alterazione causa del dolore vengono trattate adeguatamente. (1) Per trattare il dolore acuto, oltre a individuarne e risolverne la causa scatenante, è necessario utilizzare un prodotto in grado di esercitare un'azione rapida. (1)

Il paracetamolo ha dimostrato la non inferiorità in confronto a FANS nella gestione del dolore muscolo-scheletrico acuto. (1) Una revisione sistematica Cochrane di 9 studi, per un totale di quasi 1.000 pazienti, che ha confrontato l'azione di paracetamolo rispetto a FANS nelle lesioni acute dei tessuti molli, non ha rilevato differenze clinicamente rilevanti tra i due trattamenti in termini di efficacia nella riduzione del dolore nei giorni tra l'1 e il 7 di trattamento, nel gonfiore e nel ritorno alla normale funzione al giorno 7. Al contrario, si attesta una differenza tra i due prodotti a livello di disturbi gastro-intestinali, che sono risultati più comuni nei pazienti trattati con FANS. (1)

Il paracetamolo ricopre inoltre un ruolo nell'analgesia multimodale raccomandata in seguito a dolore post-operatorio grave o a trauma. (1)

Il paracetamolo viene anche prescritto nel trattamento della cefalea e dell'emicrania. Alcune società scientifiche internazionali considerano il paracetamolo orale come efficace, in monoterapia o in combinazione con FANS, in caso di attacchi di emicrania non invalidanti. (1)

La Federazione Europea delle Società Neurologiche (EFNA), in particolare, supporta l'uso di paracetamolo come trattamento di prima linea nelle cefalee di tipo tensivo con un alto livello di evidenza (evidenza A). (1)


Bibliografia:

  1. Freo U, et al. Paracetamol: A Review of Guideline Recommendations. J Clin Med. 2021 Jul 31;10(15):3420.

  2. Scaglione F. Razionale farmacologico per l'uso clinico del paracetamolo. Clinical Practice n. 01 - 2022. https://clinicalpractice.it/storage/app/media/pdf/20220324_ClinicalPractice_articolo-paracetamolo-web.pdf




In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Vitamina D, le nuove raccomandazioni
Farmaci e cure
18 giugno 2024
Notizie e aggiornamenti
Vitamina D, le nuove raccomandazioni
“Non Male!”. L’informazione che dà sollievo
Farmaci e cure
05 giugno 2024
Notizie e aggiornamenti
“Non Male!”. L’informazione che dà sollievo
1,9 milioni di italiani rinunciano a curarsi per ragioni economiche
Farmaci e cure
03 maggio 2024
Notizie e aggiornamenti
1,9 milioni di italiani rinunciano a curarsi per ragioni economiche
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa