Proteggiamoci dall’influenza: i consigli di Dica33

07 dicembre 2023
Aggiornamenti e focus, Speciale Tosse nel bambino

Proteggiamoci dall’influenza: i consigli di Dica33



Tags:
Tosse secca, mal di testa, dolori muscolari e articolari, mal di gola, naso che cola, febbre. Sono i sintomi più comuni dell'influenza  che si presenta tra il tardo autunno e l'inverno e ci accompagna a ripetute ondate fino a marzo. Ma ci sono almeno 5 sane abitudini che possiamo mettere in pratica per proteggerci dal virus dell'influenza e dal raffreddore .

Vaccinarsi - È il modo migliore per ridurre il rischio stagionale e le complicanze che, in soggetti a rischio, possono essere potenzialmente gravi.

La vaccinazione (da fare ogni anno) è particolarmente raccomandata alle donne incinte, ai bambini, agli over 65, ai pazienti con malattie croniche, agli operatori sanitari. L'insorgere di dolore o febbre dopo la vaccinazione  è una reazione del tutto normale che dura solo uno o due giorni.


Lavarsi le mani regolarmente - Le mani pulite proteggono da molte infezioni. E farlo richiede "tempo". L'Organizzazione mondiale della sanità ha dato in questo senso una indicazione universale: "Serve tempo quanto cantare 'Tanti auguri' due volte". Lo si può fare con acqua corrente e sapone, asciugando le mani accuratamente (meglio con una salvietta monouso) oppure con una soluzione alcolica se acqua e sapone non sono disponibili. Prestare attenzione alla zona sotto le unghie dove può accumularsi lo sporco.


Evitare di toccarsi occhi, naso e bocca - Lo abbiamo visto durante la pandemia quanto sia difficile controllare questi gesti involontari. Ma va ricordato che la via più probabile per l'ingresso dei germi nel corpo è proprio attraverso gli occhi, il naso e la bocca. Non è possibile controllare tutto quello che si inala ma si può ridurre il rischio di infezione tenendo le mani lontane dal viso. Oppure usando un fazzoletto monouso pulito o lavandosi prima le mani. In questo modo eviteremo di "spingere" i germi nel corpo.


Evitare di stare con persone malate - L'influenza è contagiosa. Quando una persona infetta tossisce o starnutisce, le goccioline che contengono il virus possono diffondersi fino a un metro e infettare altre persone che le inalano. È bene evitare contatti ravvicinati con persone malate. Comunque, coprire sempre bocca e naso con un fazzoletto monouso quando si tossisce o si starnutisce. Se non abbiamo un fazzoletto, meglio usare il gomito o l'avambraccio. Mai la mano. Per evitare di diffondere successivamente il virus attraverso il contatto.


Restare a casa se non si sta bene - Ai primi sintomi dell'influenza, stare con le altre persone le mette a rischio. Particolarmente i fragili, soggetti con malattie croniche come il cancro o patologie cardiache e respiratorie. Meglio restare a casa.


Carla De Meo




In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
L’antibiotico resistenza: una grave minaccia alla salute globale
Malattie infettive
24 gennaio 2024
Notizie e aggiornamenti
L’antibiotico resistenza: una grave minaccia alla salute globale
Infezioni a trasmissione sessuale in aumento in tutta Europa
Malattie infettive
11 gennaio 2024
Notizie e aggiornamenti
Infezioni a trasmissione sessuale in aumento in tutta Europa
Dengue in aumento in Italia
Malattie infettive
10 gennaio 2024
Notizie e aggiornamenti
Dengue in aumento in Italia
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa