Bambini: carenze nutrizionali con regimi vegani o a base di carne

27 gennaio 2024
Aggiornamenti e focus

Bambini: carenze nutrizionali con regimi vegani o a base di carne



Tags:
I bambini che aderiscono ad alimentazioni o solo a base di vegetali o a base principalmente di carne potrebbero andare incontro a inadeguata assunzione di nutrienti. Tra le diverse sostanze interessate da carenze, ci sarebbero soprattutto vitamina D, calcio, iodio, acido eicosapentanoico (EPA) e docosaesaenoico (DHA). In particolare, poi, i bambini che aderiscono a diete a base di vegetali possono essere suscettibili a deficit di ferro, zinco e vitamina B12, così come le controparti che consumano una dieta a base di carne, possono andare incontro a carenze di vitamina E e folati. A mostrarlo è una review pubblicata su Nutrients dai ricercatori olandesi Nicole Neufingert e Ans Eilander, secondo i quali è importante puntare a una dieta diversificata per promuovere un equilibrio nutrizionale sostenibile e bilanciato per bambini e adolescenti.

La malnutrizione in età pediatrica


Secondo i due ricercatori, alcuni studi hanno stimato che a livello globale il 22% dei bambini sotto i cinque anni ha problemi di crescita e che quasi il 50% dei bambini in età prescolare ha almeno una carenza di micronutrienti. Gli alimenti di origine vegetale, seppur soddisfacendo diversi requisiti nutrizionali, in genere presentano carenze di uno o più aminoacidi. Di contro, carne e latticini sono altamente proteici e comprendono l'intero spettro di aminoacidi essenziali per la crescita, mentre una fonte importante di acidi grassi essenziali è rappresentata dagli oli di origine vegetale che non forniscono sostanze chiave quali calcio, zinco, ferro, selenio, riboflavina e vitamina A e B12. Infine, gli acidi grassi omega-3, l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA), essenziali per la funzionalità retinica, neuronale e immunitaria, sono abbondanti nel pesce e nei frutti di mare, che sono anche fonti naturali di vitamina D e iodio.


I regimi alimentari seguiti dalla popolazione pediatrica in studio


Per la review, i due ricercatori hanno analizzato 30 studi che includevano informazioni dettagliate sulle diete seguite dai partecipanti. Le diete sono state classificate in cinque categorie: vegana, che non prevede carne o latticini, vegetariana, che include latticini, ma esclude carne e pesce, vegetariana con assunzione di pesce, semi vegetariana, in cui si consumano carne e pesce meno di una volta a settimana, ma più di una volta al mese, e carnivora, in cui la carne si mangia di frequente.


Le diete e le carenze evidenziate

Dagli studi analizzati che confrontavano diete a base vegetale o animale è emerso che non vi erano differenze per quel che riguardava l'apporto energetico. Inoltre, i bambini che seguivano diete vegane non riuscivano ad assumere la quantità raccomandata di proteine, mentre questa era soddisfatta negli altri quattro regimi dietetici. Tra i bambini vegani, però, era più alta l'assunzione di fibre, acidi grassi polinsaturi e saturi, mentre questa era più bassa nei carnivori. Per quanto riguarda altri micronutrienti, l'assunzione media di vitamina D e calcio era bassa in tutti i gruppi dietetici e due studi hanno trovato un rischio di carenza di iodio in tutti i partecipanti. Infine, i bambini che seguivano una dieta principalmente a base di carne avevano un rischio di inadeguata assunzione di folati e vitamina E, mentre i bambini che consumavano diete a base vegetale avevano un rischio maggiore di carenza di vitamina B12, zinco e ferro.


Sabina Mastrangelo


Fonte: Farmacista33


Riferimenti bibliografici:



Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa