Aminoacidi A Catena Ramificata Monico

13 novembre 2019

Aminoacidi A Catena Ramificata Monico




Aminoacidi A Catena Ramificata Monico è un farmaco a base di Aminoacidi, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali. E' commercializzato in Italia da Monico S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Aminoacidi A Catena Ramificata Monico per accedere alla scheda relativa e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi) e perchè si usa


Encefalopatia epatica.

Come integrazione di soluzioni aminoacidiche convenzionali in stati post-traumatici chirurgici e non (traumi meccanici, traumi chirurgici, decorso postoperatorio, stati settici, condizioni di stress post-traumatici in pazienti cirrotici).



Come usare Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi): posologia, dosi e modo d'uso


Trattandosi di un prodotto da impiegarsi nel contesto di un programma di rianimazione metabolica o di nutrizione, assai raramente andrebbe usato senza un supporto calorico ed i dosaggi indicati vanno considerati indicativi, potendo variare, anche di molto, a seconda di quante calorie vengono somministrate e della fonte calorica. In genere i dosaggi indicati presuppongono un concomitante apporto calorico di almeno 20-25 Kcal/kg/die.

Encefalopatia epatica

1-2 flaconi da 500 ml per infusione endovenosa, corrispondenti a 500 – 1000 ml di soluzione.

Altre indicazioni

La soluzione andrebbe impiegata, salvo condizioni cliniche particolari, associata ad altre soluzioni aminoacidiche; in tal caso il dosaggio consigliato è di 1-3 flaconi da 250 ml, corrispondenti a 250- 750 ml di soluzione.

L'infusione dovrebbe essere preferibilmente eseguita in vena centrale. È possibile comunque anche la somministrazione periferica. È consigliabile una somministrazione al giorno, salvo diverso parere medico; tuttavia il modo più razionale di impiego del prodotto è l'infusione continua del prodotto 24 ore su 24. Se impiegato per somministrazione discontinua, il singolo flacone da 500 ml andrebbe infuso in un tempo non superiore alle 4 ore (velocità di infusione pari a 30 gocce/minuto).

La somministrazione dovrà essere protratta fino a quando esista la necessità di un supporto nutrizionale o metabolico del paziente.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi)


Ipersensibilità nota verso il prodotto o i suoi componenti.



Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Il rischio di effetti dannosi a carico del feto e/o del lattante a seguito della somministrazione della soluzione di L-aminoacidi ramificati non è escluso; pertanto l'uso del prodotto in gravidanza e nell'allattamento è da riservare, a giudizio del medico, ai casi di assoluta necessità.



Quali sono gli effetti collaterali di Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi)


L'infusione endovenosa troppo rapida può provocare febbre, brividi, nausea e vomito. Nella sede di iniezione periferica possono presentarsi reazioni tromboflebitiche; occorre in tal caso cambiare la sede di iniezione.

Altri effetti indesiderati comprendono: orticaria, vasodilatazione, dolori addominali, convulsioni; in tali evenienze occorre interrompere il trattamento ed adottare opportune contromisure. Il paziente deve essere invitato a riferire al medico e/o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato non previsto insorto durante il trattamento.



Aminoacidi A Catena Ramificata Monico (Aminoacidi) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a numeri di paragrafo non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Ultimi articoli
Acidità di stomaco
05 novembre 2019
Patologie mediche
Acidità di stomaco
Come funziona il tuo intestino?
24 ottobre 2019
I quiz della salute
Come funziona il tuo intestino?
Psoriasi
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Psoriasi