Malassorbimento

29 agosto 2017

Malassorbimento



Definizione


Condizione caratterizzata dall'insufficiente assorbimento delle sostanze nutritive a livello intestinale. Normalmente, gli alimenti vengono digeriti e successivamente le sostanze nutritive in essi contenute vengono assorbite nel circolo ematico, specialmente a livello dell'intestino tenue. Il malassorbimento può essere dovuto a un'alterazione dei processi di digestione oppure ad un disturbo che ne ostacola direttamente l'assorbimento.

Cause


Il malassorbimento può essere la conseguenza di diverse condizioni, per esempio di una patologia del pancreas, di un carcinoma intestinale o di un'alterazione del metabolismo della bile provocato dall'ostruzione dei dotti biliari. In caso di intolleranza al lattosio, il processo di assorbimento del cibo è ostacolato dalla mancanza o insufficienza di enzimi intestinali. Anche un'alterazione della flora batterica intestinale può modificare l'ambiente dell'intestino e provocare malassorbimento, come pure la celiachia, il morbo di Crohn o un linfoma.

Sintomi

Il quadro clinico dipende dalla gravità del disturbo. Spesso si verifica un calo del peso corporeo, la lingua diventa bianca e lucida, le feci diarroiche sono biancastre (steatorrea), compaiono eruttazione e meteorismo. Il deficit nutrizionale che ne consegue si può manifestare, tra l'altro, con anemia, riduzione della massa ossea, abbassamento della vista notturna, edemi, emorragie frequenti, amenorrea.

Diagnosi

Oltre ai sintomi, è necessario valutare la capacità di assorbimento intestinale mediante analisi delle feci, in cui generalmente si osserva un aumento del quantitativo di grassi. Altri esami di laboratorio possono rilevare il malassorbimento di altre sostanze specifiche, come il lattosio o la vit. B12. Un test frequentemente utilizzato è quello di assorbimento dello xilosio, con cui si mette in evidenza la ridotta capacità dell'organismo di metabolizzarlo e eliminarlo con le urine. Se si sospetta una causa legata ad alterazioni della parete intestinale, può essere utile eseguire una biopsia per via endoscopica.

Cure

Il trattamento del malassorbimento deve essere mirato alla causa che lo ha provocato e se necessario si provvede a reintegrare per via endovenosa i nutrienti carenti.

Cure complementari

Anche per quanto riguarda le cure alternative, le eventuali proposte dipendono dalla patologia alla base del malassorbimento.

Alimentazione

Anche il regime alimentare è condizionato dalla causa del malassorbimento. In generale la dieta comprende proteine magre, frutta e verdura fresche, cereali integrali e legumi.


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Stomaco e intestino
11 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Le noci aiutano il microbiota
Stomaco e intestino
11 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Le noci aiutano il microbiota
L'esperto risponde