Antrolin

19 gennaio 2021

Antrolin


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Antrolin (nifedipina + lidocaina)


Antrolin è un farmaco a base di nifedipina + lidocaina, appartenente al gruppo terapeutico Antiemorroidari. E' commercializzato in Italia da Neopharmed Gentili S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Antrolin disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Antrolin disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Antrolin e perchè si usa


Trattamento della ragade anale e proctalgie in genere associate ad ipertono sfinterico anale.

Indicazioni: come usare Antrolin, posologia, dosi e modo d'uso


Per applicazioni endorettali e perianali. Applicare la crema 2 volte al giorno per almeno tre
settimane (vedere la Sezione 6.6).

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Antrolin


Ipersensibilità ai principi attivi ed in particolare verso la lidocaina (e gli altri anestetici locali ad analoga struttura di tipo amidico) o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Gravidanza, accertata o presunta, ed allattamento (vedere la Sezione 4.6).

Gravi stati ipotensivi e di insufficienza cardiovascolare.

Antrolin può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


La nifedipina e la lidocaina attraversano la barriera placentare e vengono escrete nel latte materno. Negli studi condotti su ratti e conigli la nifedipina si è dimostrata in grado di provocare effetti teratogeni. La lidocaina non ha messo in evidenza rischi per il feto. Si raccomanda, comunque, di non utilizzare il prodotto nelle donne in gravidanza ed in allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Antrolin


Possono verificarsi localmente reazioni quali dolore, bruciore, prurito, iperemia e sanguinamento. Tali effetti regrediscono dopo la sospensione del trattamento.

In casi molto rari, l'applicazione locale di preparati a base di lidocaina ha causato reazioni allergiche (nei casi più gravi, shock anafilattico).

Durante la fase di sperimentazione clinica non sono stati evidenziati effetti indesiderati dovuti ad un possibile assorbimento sistemico dei due principi attivi (cefalea, vertigini, vasodilatazione periferica, ipotensione, capogiri e tremori).

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa