Arqueta

23 settembre 2021

Arqueta




Cos'è Arqueta (netilmicina solfato)


Arqueta è un farmaco a base di netilmicina solfato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici aminoglicosidici. E' commercializzato in Italia da Genetic S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Arqueta disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Arqueta disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Arqueta e perchè si usa


Trattamento topico delle infezioni oculari esterne e degli annessi causate da germi sensibili alla Netilmicina, inclusi i germi produttori di enzimi adenilanti e fosforilanti.

Indicazioni: come usare Arqueta, posologia, dosi e modo d'uso


Instillare nel sacco congiuntivale una o due gocce di collirio 3 volte al dì o secondo prescrizione medica.

Modo di somministrazione

Uso oculare.

Instillare le gocce di soluzione nella sacca congiuntivale inferiore dell'occhio da trattare, abbassando delicatamente la palpebra inferiore e guardando verso l'alto. Evitare che l'estremità del flacone o del contenitore monodose vengano a contatto con l'occhio o con qualsiasi altra superficie.

Per ulteriori informazioni vedere paragrafo 6.6.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Arqueta


Ipersensibilità al principio attivo, agli altri aminoglicosidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.3.

Arqueta può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Nonostante gli studi preclinici attestino l'assenza di tossicità fetale con la somministrazione topica di Netilmicina, per lo scarso assorbimento sistemico del medicinale, in gravidanza esso va somministrato nei casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

Gli aminoglicosidi vengono escreti nel latte materno. Pertanto, se ne sconsiglia l'assunzione durante l'allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Arqueta


Occasionalmente ARQUETA 0,3% collirio soluzione, può dar luogo a lievi e temporanee irritazioni oculari o a fenomeni di ipersensibilità caratterizzati da edema, eruzioni orticarioidi e prurito.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Covid-19, la solitudine degli adolescenti
Malattie infettive
21 settembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, la solitudine degli adolescenti
Covid-19, contagi sul lavoro? Ecco le procedure
Malattie infettive
20 settembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, contagi sul lavoro? Ecco le procedure
Covid-19, individuato un anticorpo monoclonale efficace per le varianti
Malattie infettive
06 settembre 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, individuato un anticorpo monoclonale efficace per le varianti