Calcium D3 Sandoz

21 gennaio 2021

Calcium D3 Sandoz


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Calcium D3 Sandoz (calcio carbonato + colecalciferolo)


Calcium D3 Sandoz è un farmaco a base di calcio carbonato + colecalciferolo, appartenente al gruppo terapeutico Integratori minerali, Antiacidi Calcio. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Calcium D3 Sandoz disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Calcium D3 Sandoz disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Calcium D3 Sandoz e perchè si usa


Trattamento degli stati di carenza concomitante di vitamina D e calcio in soggetti anziani. Supplemento di vitamina D e calcio, come aggiunta a terapie specifiche per il trattamento dell'osteoporosi in soggetti a rischio di carenza concomitante di vitamina D e calcio.

Indicazioni: come usare Calcium D3 Sandoz, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Una compressa effervescente al giorno.

Modo di somministrazione

La compressa può essere assunta intera in un'unica volta, oppure suddivisa in due metà da prendere in due momenti distinti nell'arco della giornata. Sciogliere una (oppure mezza) compressa effervescente in un bicchiere d'acqua e bere subito la soluzione ottenuta.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Calcium D3 Sandoz


Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ipercalcemia, ipercalciuria. Immobilizzazione prolungata, accompagnata da ipercalciuria e/o da ipercalcemia e patologie correlate a tali condizioni (ad es. mieloma, metastasi ossea, iperparatiroidismo primario).

Insufficienza renale e calcoli renali (nefrolitiasi e nefrocalcinosi). Litiasi calcica. Ipervitaminosi D.

Calcium D3 Sandoz può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Nelle donne in gravidanza, sovradosaggi di calcio e di colecalciferolo devono essere evitati poichè un persistente stato di ipercalcemia è stato correlato ad effetti avversi sullo sviluppo del feto.

Nell'uomo, l'ipercalcemia durante la gravidanza può portare a ritardo dello sviluppo fisico e mentale, stenosi aortica sopravalvolare, retinopatia, soppressione della funzione paratiroidea.

Studi effettuati sugli animali hanno evidenziato che alte dosi di vitamina D hanno un effetto tossico sulla riproduzione. Gli studi sugli animali hanno mostrato una tossicità riproduttiva da sovradosaggio di colecalciferolo.

Sono noti, tuttavia, numerosi casi di ipoparatiroidismo materno trattato con alte dosi di vitamina D3 senza conseguenze per lo sviluppo del bambino.

A causa dell'elevato dosaggio di vitamina D, l'uso del medicinale durante la gravidanza è controindicato.

Allattamento

Calcium D3 Sandoz può essere usato durante l'allattamento.

Il calcio e la vitamina D (ed i suoi metaboliti) passano nel latte materno.

Questo fatto deve essere considerato in caso di somministrazione addizionale di vitamina D al bambino.

Quali sono gli effetti indesiderati di Calcium D3 Sandoz


Le reazioni avverse sono riportate per classi organo-sistemiche e frequenza.

La frequenza è definita come: Non comune (> 1/1.000, < 1/100); Raro (> 1/10.000, < 1/1.000).

Disturbi del sistema immunitario

Raro: Ipersensibilità

Molto raro: Sono stati segnalati casi isolati di reazioni allergiche sistemiche (reazioni anafilattiche, edema facciale, angioedema neurotico)

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non comune: Ipercalciuria, ipercalcemia

Patologie gastrointestinali

Raro: Costipazione, flatulenza, nausea, gastralgia, vomito, diarrea

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Raro: Prurito, rash ed orticaria

Popolazioni speciali di pazienti

Insufficienza renale

Pazienti con danno renale presentano un rischio aumentato per iperfosfatemia, nefrolitiasi e nefrocalcinosi.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa