Cetirizina Pensa

21 gennaio 2021

Cetirizina Pensa


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Cetirizina Pensa (cetirizina dicloridrato)


Cetirizina Pensa è un farmaco a base di cetirizina dicloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiallergici antistaminici. E' commercializzato in Italia da Pensa Pharma S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Cetirizina Pensa disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Cetirizina Pensa disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Cetirizina Pensa e perchè si usa


COMPRESSE

Adulti e pazienti pediatrici a partire da 6 anni di età:
  • Cetrizina è indicata per il trattamento dei sintomi nasali e oculari della rinite allergica stagionale e perenne.
  • Cetirizina è indicata per il trattamento sintomatico dell'orticaria cronica idiopatica.

GOCCE

Adulti e pazienti pediatrici , a partire da 2 anni di età:

  • Cetrizina è indicata per il trattamento dei sintomi nasali e oculari della rinite allergica stagionale e perenne.
  • Cetirizina è indicata per il trattamento sintomatico dell'orticaria cronica idiopatica.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Cetirizina Pensa


Ipersensibilità al principio attivo, ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al

paragrafo 6.1, all'idrossizina o a qualunque derivato della piperazina.

Pazienti con grave insufficienza renale con clearance della creatinina inferiore a 10

ml/min.

Cetirizina Pensa può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Per cetirizina sono disponibili pochissimi dati clinici su gravidanze esposte al trattamento. Studi sugli animali non mostrano effetti dannosi diretti o indiretti per quanto riguarda la gravidanza, lo sviluppo embrionale/fetale, il parto o lo sviluppo post-natale. La prescrizione di cetirizina a donne in gravidanza deve essere effettuata con cautela.

Allattamento

Cetirizina è escreta nel latte materno a concentrazioni che rappresentano dal 25% al 90% di quelle misurate nel plasma, a seconda del tempo di campionamento dopo la somministrazione. Pertanto la prescrizione a donne che allattano deve essere effettuata con cautela.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa