Dopamina Cloridrato Hikma

01 aprile 2020

Dopamina Cloridrato Hikma




Dopamina Cloridrato Hikma è un farmaco a base di dopamina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Simpaticomimetici. E' commercializzato in Italia da Hikma Italia S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato) e perchè si usa


Dopamina è indicata negli adulti per la correzione dello sbilanciamento emodinamico presente in:

  • Ipotensione acuta o shock associato con infarto del miocardio, setticemia endotossica e trauma.
  • In aggiunta dopo un intervento chirurgico a cuore aperto in cui vi è ipotensione persistente dopo la correzione di ipovolemia.
  • Esacerbazione acuta dell'insufficienza cardiaca cronica dove c'è bassa gittata cardiaca



Come usare Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato): posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti

Se necessario, il volume di sangue circolante deve essere ripristinato con un apposito expander di plasma o sangue intero, prima della somministrazione di dopamina cloridrato.

Iniziare l'infusione di dopamina cloridrato soluzione a dosi di 2,5 microgrammi/kg/min in pazienti che sono in grado di rispondere a incrementi modesti della forza cardiaca e della perfusione renale.

Nei casi più gravi, la somministrazione può essere iniziata ad una velocità di 5 microgrammi/kg/min e aumentata gradualmente da 5 a 10 microgrammi/kg/min fino a 20 - 50 microgrammi/kg/min ove necessario. Se sono necessari dosi superiori a 50 microgrammi/kg/min, si consiglia di controllare frequentemente la diuresi.

Qualora il flusso urinario cominciasse a diminuire in assenza di ipotensione, deve essere considerata la riduzione del dosaggio di dopamina. È stato rilevato che più del 50% dei pazienti è stato adeguatamente controllato con dosi inferiori a 20 microgrammi/kg/min. Nei pazienti che non rispondono a queste dosi, possono essere somministrati incrementi aggiuntivi di dopamina per ottenere una pressione sanguigna, un flusso di urina e una perfusione in generale adeguati.

Il trattamento di tutti i pazienti richiede una valutazione costante della terapia in termini di volume ematico, aumento della contrattilità cardiaca, distribuzione della perfusione periferica e diuresi.

Il dosaggio di dopamina deve essere regolato in base alla risposta del paziente, con particolare attenzione alla diminuzione del flusso di urina, considerando l'aumento della tachicardia o lo sviluppo di nuove aritmie come indicazioni per diminuire o sospendere temporaneamente il dosaggio.

I pazienti che sono stati trattati con inibitori delle MAO 2-3 settimane prima della somministrazione di dopamina richiedono un dosaggio notevolmente ridotto. (La dose iniziale deve essere ridotta ad almeno 1/10 della dose abituale).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di dopamina in pazienti pediatrici non è stata stabilita.

Anziani

Negli studi clinici con dopamina parenterale, il numero di pazienti di 65 anni di età o più anziani inclusi nello studio non era sufficiente per determinare se questi si comportano in modo diverso dai pazienti più giovani. In generale, la scelta della dose nei pazienti anziani deve essere cauta e generalmente viene usata una dose iniziale più bassa. Si consiglia un attento monitoraggio della pressione sanguigna, del flusso di urina e della perfusione tissutale periferica.

Modo di somministrazione:

Da somministrare per infusione endovenosa solo dopo diluizione con gli idonei diluenti. La dopamina cloridrato deve essere infusa in una vena larga ogni qualvolta sia possibile, preferibilmente con un sistema di pompa a siringa per infusione. Va posta particolare attenzione alla velocità di perfusione al fine di evitare boli involontari.

Per istruzioni sulla ricostituzione del medicinale prima della somministrazione, vedere paragrafo 6.6.




Controindicazioni: quando non dev'essere usato Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La dopamina non deve essere usata in pazienti con feocromocitoma.

La dopamina non deve essere usata in presenza di tachiaritmie atriali o ventricolari non corrette o fibrillazione ventricolare.



Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Studi sugli animali non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno con la dopamina. Comunque, l'effetto della dopamina sul feto umano non è noto. Di conseguenza il medicinale deve essere usato nelle donne in gravidanza solo quando i benefici attesi per la madre superano i potenziali rischi per il feto.

Allattamento

Non è noto se la dopamina sia escreta nel latte materno, nè è noto l'effetto della dopamina sul neonato. Poichè molti farmaci sono escreti nel latte umano, si deve esercitare cautela quando la dopamina cloridrato è somministrata a donne che allattano.

Fertilità

Non ci sono dati disponibili



Quali sono gli effetti collaterali di Dopamina Cloridrato Hikma (dopamina cloridrato)


Le reazioni avverse alla dopamina sono relative alla sua azione farmacologica. Sono state osservate le seguenti reazioni avverse, ma non ci sono dati sufficienti per supportare una stima della loro frequenza.

Le reazioni più comuni comprendono

Patologie cardiovascolari: Battiti cardiaci ectopici, tachicardia, dolore anginoso, palpitazione, ipotensione e vasocostrizione.

Patologie gastrointestinali: Nausea e vomito.

Patologie del Sistema Nervoso: Mal di testa, ansia, tremore.

Patologie Respiratorie: Dispnea.

Patologie renali ed urinarie: Poliuria.

Esami diagnostici: Aumentato livello di glucosio nel sangue, livello di BUN (azoto ureico) aumentato.

Reazioni meno comuni comprendono

Anomalie biochimiche: Azotemia.

Patologie cardiovascolari: Conduzione aberrante, bradicardia, complesso QRS allargato, ipertensione, cancrena, in rare occasioni sono state segnalate aritmie ventricolari fatali.

Patologie dell'occhio: Midriasi.


Patologie del Sistema nervoso: Piloerezione.

Reazioni gravi o pericolose per la vita:

A seguito dell'uso di alte dosi e a dosi più basse in pazienti con patologie vascolari pre- esistenti si è verificata cancrena alle estremità.

Segnalazione di sospette reazioni avverse

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili .




Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube