Ferlixit

20 febbraio 2020

Ferlixit




Ferlixit è un farmaco a base di sodio ferrigluconato, appartenente al gruppo terapeutico Antianemici. E' commercializzato in Italia da Sanofi S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Ferlixit (sodio ferrigluconato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Ferlixit (sodio ferrigluconato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Ferlixit (sodio ferrigluconato) e perchè si usa


Anemie ferroprive: l'uso del prodotto per via parenterale è limitato ai pazienti nei quali il trattamento per via orale non risulti efficace.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Ferlixit (sodio ferrigluconato)


Ferlixit non deve essere somministrato in caso di:

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti,
  • Nota ipersensibilità grave ad altri prodotti a base di ferro per uso parenterale,
  • Accumulo eccessivo di ferro (emocromatosi, emolisi cronica) o disordini del metabolismo del ferro (anemie sideroacrestiche, anemia sideroblastica, anemia saturnina, talassemia),
  • Gravi patologie infiammatorie del fegato o dei reni,
Per la presenza di alcool benzilico, il prodotto non deve essere somministrato ai neonati e ai bambini al di sotto dei tre anni.



Ferlixit (sodio ferrigluconato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Uso endovenoso: non è consigliato l'uso del prodotto in gravidanza

Non esiste nessuno studio adeguato e ben controllato di Ferlixit nelle donne in gravidanza. Pertanto prima dell'uso in gravidanza si richiede un'attenta valutazione del rischio/beneficio e Ferlixit non deve essere usato in gravidanza se non chiaramente necessario (vedere paragrafo 4.4).

Un'anemia da carenza di ferro che si presenta nel primo trimestre di gravidanza può in molti casi essere trattata con ferro per via orale. Il trattamento con Ferlixit deve essere limitato al secondo e al terzo trimestre se si giudica che il beneficio superi il rischio potenziale sia per la madre che per il feto.

Gli studi condotti su cavie hanno dimostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). Non è noto il rischio potenziale per la donna. La somministrazione in gravidanza deve essere presa in considerazione solo se la somministrazione di ferro per via orale è inefficace o non può essere tollerata e se i benefici previsti per la madre superano tutti i possibili rischi per il feto (vedere paragrafo 5.3).

A causa delle seppur rare reazioni circolatorie che un'iniezione di ferro può causare (vedere paragrafo 4.8), per le donne in gravidanza esiste il rischio potenziale di comparsa di disturbi della nutrizione fetale dovuti ad un apporto insufficiente di sangue alla placenta. Va pertanto prestata particolare attenzione ad un utilizzo corretto (vedere paragrafo 4.2).

Allattamento

Non è noto se l'escrezione di ferro nel latte materno venga aumentata dopo somministrazione parenterale di ferro. Ferlixit deve quindi essere somministrato durante l'allattamento solo dopo attenta valutazione dei benefici e dei rischi.



Ferlixit (sodio ferrigluconato) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube