Isopuramin 7% 7% ev 20 flaconi 500 ml

15 gennaio 2021
Farmaci - Isopuramin 7%

Isopuramin 7% 7% ev 20 flaconi 500 ml


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Isopuramin 7% 7% ev 20 flaconi 500 ml è un medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico (classe C), a base di poliaminoacidi, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali. E' commercializzato in Italia da Baxter S.p.A.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Baxter S.p.A.

MARCHIO

Isopuramin 7%

CONFEZIONE

7% ev 20 flaconi 500 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

PRINCIPIO ATTIVO
poliaminoacidi

GRUPPO TERAPEUTICO
Soluzioni nutrizionali parenterali

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

PREZZO
283,19 €


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Isopuramin 7% disponibili in commercio:

  • isopuramin 7% 7% ev 20 flaconi 500 ml (scheda corrente)

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Isopuramin 7% »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Isopuramin 7%? Perchè si usa?


Stati di denutrizione a diversa eziologia (anoressia mentale, cachessia neoplastica, trattamenti prolungati con cortisonici, antimicotici, immunosoppressori, malattie infiammatorie intestinali e coliti da antibiotici, pancreatiti acute e croniche, politraumi in fase acuta).

Periodo pre e post-operatorio, ustioni estese, pazienti neurochirurgici, sindrome nefrotica senza insufficienza renale acuta e cronica in trattamento dialitico peritoneale periodico o in dialisi extracorporea.

In tutte le condizioni in cui sia necessario un rapido ed importante apporto proteico per la costruzione del patrimonio proteico.

Da somministrarsi sotto lo stretto controllo del medico nei seguenti casi: malattie epatiche croniche, cirrosi non scompensate.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Isopuramin 7%?


Epatiti acute virali, batteriche e tossiche; cirrosi epatica in fase di scompenso.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Isopuramin 7%?


Nei bambini piccoli, negli epatopazienti e negli anziani è necessario verificare frequentemente l'azotemia per evitare casi di iperammoniemia che possono insorgere durante trattamenti prolungati. Per un controllo ottimale della nutrizione parenterale sono necessarie frequenti valutazioni cliniche ed analisi di laboratorio che dovranno riguardare in particolar modo l'osmolarità del siero, gli elettroliti, test di funzionalità epatica e renale, la glicemia, l'ammoniemia.

Il prodotto contiene sodio metabisolfito. Tale sostanza può provocare in soggetti sensibili e particolarmente negli asmatici reazioni di tipo allergico ed attacchi asmatici gravi.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Isopuramin 7%?


Non segnalate.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Isopuramin 7%? Dosi e modo d'uso


La posologia dipende dal quadro clinico del paziente secondo prescrizione medica.

È consigliabile una infusione inferiore alle 60 gocce al minuto primo. Per una corretta terapia nutrizionale con Isopuramin 7% è opportuno somministrare 35-45 kcal/kg/die sotto forma di glucosio o lipidi. È opportuna in tal caso la somministrazione di insulina, potassio, sodio, cloro, fosforo, magnesio e altri elementi in relazione alle esigenze cliniche.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Isopuramin 7%?


La comparsa di iperammoniemia può avvenire se la quota di aminoacidi infusi è eccedente la quota calorica somministrata, in caso di infusione troppo veloce, in presenza di epatopatia. In presenza di patologia renale è consigliato un controllo della ammoniemia e del livello di cloruri ematici, sebbene i valori di cloro apportati con gli aminoacidi siano insignificanti.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Isopuramin 7%?


L'infusione endovenosa troppo rapida può provocare febbre, brividi, nausea e vomito.

Altri effetti indesiderati possono essere: orticaria, vasodilatazione, dolori addominali, convulsioni; se si presentano questi o altri segni di intollerabilità, occorre interrompere il trattamento ed istituire le misure del caso.

Nel punto di iniezione e lungo il corso delle vene usate per l'infusione si possono avere reazioni tromboflebitiche: in tal caso occorre cambiare il luogo di introduzione.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Isopuramin 7% durante la gravidanza e l'allattamento?


Non si conoscono dati certi di tossicità sull'uso in gravidanza; nel caso di somministrazione, da usarsi sotto stretto controllo medico.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Isopuramin 7% sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Non pertinente.


PRINCIPIO ATTIVO


1000 ml di soluzione contengono
  • Principi attivi:
L-Alanina g 4,90

L-Arginina g 8,19

L-Fenilalanina g 5,53

Glicina g 4,48

L-Isoleucina g 5,60

L-Istidina g 3,57

L-Leucina g 7,42

L-Lisina Acetato g 11,36 pari a L-Lisina g 8,05

L-Metionina g 5,04

L-Tirosina g 0,30

L-Treonina g 6,65

L-Triptofano g 2,24

L-Valina g 8,12
  • Eccipienti:
L-Cisteina cloridrato monoidrato g 0,20 pari a

L-Cisteina g 0,14

Acido Acetico glaciale g 3,70

Sodio metabisolfito g 0,50

Acqua per preparazioni iniettabili q.b. a ml 1000

Totale Aminoacidi 70,2 g/l

pH 6,0 – 7,0

Osmolarità totale teorica 668 mOsm/l

Azoto totale 11,2 g/l

Sodio 5 mEq/l

Acetati 116 mEq/l


ECCIPIENTI


L-Cisteina cloridrato monoidrato

Acido Acetico glaciale

Sodio metabisolfito

Acqua per preparazioni iniettabili


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Nessuna particolare condizione di conservazione


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Flaconi di vetro tipo Tipo II 500 ml con tappo in materiale elastomero e ghieratura a chiusura totale.


PATOLOGIE CORRELATE


Data ultimo aggiornamento: 11/09/2019

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa