Trazyl 2% collirio polv. 1 flac.no + 1 flac.no solv. 5 ml

07 aprile 2020

Farmaci - Trazyl

Trazyl 2% collirio polv. 1 flac.no + 1 flac.no solv. 5 ml




Trazyl è un farmaco a base di ibopamina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Midriatici e cicloplegici. E' commercializzato in Italia da Omnivision Italia S.r.l..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Omnivision Italia S.r.l.

MARCHIO

Trazyl

CONFEZIONE

2% collirio polv. 1 flac.no + 1 flac.no solv. 5 ml

FORMA FARMACEUTICA
collirio

PRINCIPIO ATTIVO
ibopamina cloridrato

GRUPPO TERAPEUTICO
Midriatici e cicloplegici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
27,50 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Trazyl (ibopamina cloridrato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Trazyl (ibopamina cloridrato)? Perchè si usa?


L'ibopamina collirio, midriatico non cicloplegico, è indicata per:
  • midriasi diagnostica: esami del fondo oculare, della periferia retinica, fluorangiografie;
  • midriasi preoperatoria;
  • midriasi postoperatoria per prevenire la formazione di sinechie;
  • test di provocazione nella diagnostica del glaucoma;
  • trattamento dell'ipotonia oculare postchirurgica.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Trazyl (ibopamina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Glaucoma ad angolo chiuso o stretto.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Trazyl (ibopamina cloridrato)


Il collirio non determina modificazioni significative della pressione intraoculare in soggetti con occhi sani. Nel paziente affetto da glaucoma ad angolo aperto l'instillazione del farmaco determina un aumento della pressione intraoculare (IOP). Negli occhi con IOP borderline e glaucoma sine-ipertensione il farmaco può incrementare la pressione intraoculare rivelando, in questi occhi, una compromissione delle vie di deflusso. L'azione ipertensiva del farmaco è indipendente dall'effetto midriatico. Essendo l'effetto ipertensivo oculare di breve durata e spontaneamente reversibile (scompare entro 180 minuti), non esistono controindicazioni all'impiego del farmaco a scopo diagnostico o nel periodo postoperatorio in tali categorie di pazienti, purché il trattamento sia sempre effettuato sotto il diretto controllo del medico.

Per evitare la diluizione del principio attivo si consiglia di rispettare l'intervallo di 5 minuti tra differenti instillazioni.

Trazyl collirio contiene benzalconio cloruro: può causare irritazione agli occhi. È nota l'azione decolorante nei confronti delle lenti a contatto morbide, quindi, ne deve essere evitato il contatto. Le lenti devono essere rimosse prima dell'instillazione del medicinale e devono essere attesi almeno 15 minuti prima di rimetterle.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Trazyl (ibopamina cloridrato)


Non sono state segnalate a tutt'oggi interazioni nel caso di applicazione locale oculare nelle indicazioni di pertinenza.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Trazyl (ibopamina cloridrato)


In caso di sovradosaggio, che si può manifestare con un incremento degli effetti indesiderati locali già descritti, interrompere il trattamento. La reversione della midriasi può essere ottenuta somministrando colliri contenenti α-bloccanti.

Gli eventuali segni e sintomi locali presenti possono essere controllati con trattamento locale sintomatico.


EFFETTI INDESIDERATI


Quali sono gli effetti collaterali di Trazyl (ibopamina cloridrato)


Sono stati riportati eventi quali sensazione di bruciore, e meno frequentemente, iperemia congiuntivale e lacrimazione, conseguenti all'instillazione del collirio. Essi risultano di lieve entità, transitori e sempre reversibili spontaneamente.

Nei pazienti neonati si può verificare ischemia del bordo palpebrale; tale evento è di comune riscontro nel caso di terapia topica con farmaci simpaticomimetici e regredisce spontaneamente.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Trazyl (ibopamina cloridrato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Il farmaco non ha causato anormalità nello sviluppo fetale negli studi preclinici; tuttavia si consiglia di somministrare il prodotto nei casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Trazyl (ibopamina cloridrato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Non applicare il farmaco immediatamente prima della guida di autoveicoli o dell'uso di macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Collirio 1% - Ogni FLACONCINO DI LIOFILIZZATO contiene:

Principio attivo: Ibopamina cloridrato 50 mg

Collirio 2% - Ogni FLACONCINO DI LIOFILIZZATO contiene:

Principio attivo: Ibopamina cloridrato 100 mg

Eccipienti con effetti noti: Benzalconio cloruro

Per l'elenco completo degli eccipienti: vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Ogni flaconcino di liofilizzato contiene: Mannitolo

Ogni flaconcino di solvente contiene: Benzalconio cloruro, Idrossipropilmetilcellulosa, Acido citrico monoidrato, Sodio fosfato bibasico dodecaidrato, Acqua per preparazioni iniettabili.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Richiudere immediatamente il flacone dopo ogni singola applicazione. La confezione di collirio pronta per l'uso va conservata in frigorifero (2°-8°C).


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Flaconcino di vetro ambrato con liofilizzato + Flaconcino di plastica con 5 ml di solvente + Contagocce.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 20/11/2019

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube