Impromen

10 maggio 2021

Impromen


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Impromen (bromperidolo)


Impromen è un farmaco a base di bromperidolo, appartenente al gruppo terapeutico Antipsicotici butirrofenonici. E' commercializzato in Italia da Grunenthal Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Impromen disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Impromen disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Impromen e perchè si usa


Psicosi schizofreniche ed altre manifestazioni psicotiche caratterizzate da deliri ed allucinazioni.

Impromen è indicato negli adulti.

Indicazioni: come usare Impromen, posologia, dosi e modo d'uso


La dose giornaliera è situata tra 1 e 15 mg (dose ottimale media: 5 mg al dì) in un'unica somministrazione. Tale dose va adattata al singolo paziente

Nel trattamento di pazienti anziani la posologia deve essere attentamente stabilita dal medico che dovrà valutare una eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati.

In caso di sintomi extrapiramidali, occorre prendere in considerazione una riduzione del dosaggio.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di Impromen nei bambini al di sotto dei 18 anni non sono state stabilite. Non ci sono dati disponibili.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Impromen


Ipersensibilità al principio attivo, ad altro butirrofenone o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Impromen è controindicato in caso di disturbi dell'umore, compresa la depressione maggiore e in generale, non deve essere usato in caso di disordini di natura depressiva.

Stati comatosi.

Malattia di Parkinson.

Il prodotto ad alte dosi non deve essere impiegato nelle astenie e nelle nevrosi.

Impromen può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


In ratti e conigli non si è riscontrata teratogenicità. Inoltre, nell'uomo, non sono stati riscontrati difetti alla nascita dopo esposizione fetale ai farmaci contenenti bromperidolo, ma la sicurezza nelle donne in gravidanza non è stata stabilita in modo inequivocabile.

L'uso di bromperidolo non è raccomandato in gravidanza, a meno che le condizioni cliniche della donna siano tali che i benefici del trattamento superino i potenziali rischi.

I neonati, esposti agli antipsicotici (incluso bromperidolo) durante il terzo trimestre di gravidanza, sono a rischio di effetti indesiderati di tipo extrapiramidale o di sintomi da astinenza che possono variare per gravità dopo la nascita. Ci sono state segnalazioni di agitazione, ipertonia, ipotonia, tremore, sonnolenza, stress respiratorio, disturbi dell'alimentazione. Pertanto, i neonati devono essere attentamente monitorati.

Nei ratti il bromperidolo viene escreto nel latte materno. Se l'uso di Impromen è ritenuto necessario, i benefici dell'allattamento al seno devono essere valutati in confronto ai possibili rischi.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Giada: la prima app per il percorso di cura della depressione
Mente e cervello
04 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Giada: la prima app per il percorso di cura della depressione
Aiutiamo i giovani. Intervista a Stefano Vicari, neuropsichiatra
Mente e cervello
27 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Aiutiamo i giovani. Intervista a Stefano Vicari, neuropsichiatra
Malattie degenerative: scoperti meccanismi di vulnerabilità cellulare
Mente e cervello
10 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Malattie degenerative: scoperti meccanismi di vulnerabilità cellulare