Infectofos

15 gennaio 2021

Infectofos


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Infectofos (fosfomicina sodica)


Infectofos è un farmaco a base di fosfomicina sodica, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici. E' commercializzato in Italia da Nordic Pharma S.rl.

Confezioni e formulazioni di Infectofos disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Infectofos disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Infectofos e perchè si usa


La fosfomicina è indicata per il trattamento delle seguenti infezioni negli adulti e nei bambini, neonati inclusi (vedere paragrafo 5.1):

  • osteomielite
  • infezioni complicate delle vie urinarie
  • infezioni nosocomiali delle vie respiratorie inferiori
  • meningite batterica
  • batteriemia che si manifesta in associazione o che si ritiene eventualmente associata a una qualsiasi delle infezioni sopracitate

La fosfomicina deve essere utilizzata esclusivamente quando l'uso degli antibatterici comunemente raccomandati per il trattamento iniziale delle infezioni sopracitate non è considerato opportuno o quando tali antibatterici alternativi non sono stati efficaci. 

Per informazioni sulla combinazione con altri antibiotici, vedere paragrafi 4.4 e 4.5.

Prestare attenzione alle linee guida ufficiali per l'uso corretto degli antibatterici.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Infectofos


Ipersensibilità al principio attivo, fosfomicina, o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Infectofos può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Fertilità
Finora non è stata segnalata alcuna riduzione della fertilità umana dopo terapia con fosfomicina. Nel ratto maschio e femmina è stata osservata una fertilità ridotta dopo somministrazione orale di fosfomicina a dosi sovraterapeutiche (vedere paragrafo 5.3).
Gravidanza
Per la fosfomicina non sono disponibili dati clinici sulla gravidanza. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti sulla gravidanza, sullo sviluppo embriofetale, sul parto o sullo sviluppo post-natale (vedere paragrafo 5.3). Pertanto, la fosfomicina non deve essere prescritto a donne in gravidanza, a meno che il beneficio non superi il rischio.
Allattamento
Dopo la somministrazione di fosfomicina sono state riscontrate piccole quantità di fosfomicina nel latte materno. La fosfomicina non deve quindi essere utilizzato durante l'allattamento, a meno che i benefici non superino i rischi.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa