Intralipid

24 gennaio 2021

Intralipid


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Intralipid (olio di soia per uso parenterale + lecitina d'uovo)


Intralipid è un farmaco a base di olio di soia per uso parenterale + lecitina d'uovo, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali. E' commercializzato in Italia da Fresenius Kabi Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Intralipid disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Intralipid disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Intralipid e perchè si usa


INTRALIPID viene utilizzato per fornire energia ed acidi grassi essenziali negli adulti che necessitano di nutrizione parenterale.

INTRALIPID è altresì indicato in pazienti con carenza di acidi grassi essenziali che non possono mantenere o ripristinare un pattern normale degli acidi grassi essenziali mediante l'alimentazione per via naturale.

Indicazioni: come usare Intralipid, posologia, dosi e modo d'uso


La dose e la velocità di infusione va stabilita in funzione della capacità di eliminare i grassi (vedere paragrafo 4.4).

Posologia:

1 g di trigliceridi corrisponde a 3,33 ml di INTRALIPID 30 g/100 ml.

La massima dose raccomandata è di 3 grammi di trigliceridi per chilo di peso corporeo e al giorno. Entro questo limite superiore INTRALIPID può fornire fino al 70% del fabbisogno energetico anche in pazienti con aumentato fabbisogno energetico. La velocità di infusione per INTRALIPID 30 g/100 ml non deve eccedere i 333 ml in 5 ore.

Carenza di acidi grassi essenziali

Per prevenire o correggere una carenza in acidi grassi essenziali, da un 4% ad un 8% di energia non proteica può essere fornita come INTRALIPID per fornire un quantitativo sufficiente di acido linoleico e linolenico. Quando la carenza è collegata a stress il quantitativo di INTRALIPID necessario per correggere il deficit deve essere consistentemente aumentato.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Intralipid


Ipersensibilità ai lipidi di soia e ai fosfolipidi da tuorlo d'uovo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ipersensibilità alle proteine d'uovo, di soia o di arachide.

Shock acuto, gravi disturbi del metabolismo lipidico, danno epatico grave.

Intralipid può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


La somministrazione di Intralipid durante la gravidanza e l'allattamento con latte materno deve essere presa in considerazione solo se il beneficio atteso per la madre supera il rischio per il feto o il bambino.

Quali sono gli effetti indesiderati di Intralipid


L'infusione di INTRALIPID può causare un aumento della temperatura corporea e meno frequentemente brividi, tremore e nausea/vomito (incidenza inferiore al 1%).

Segnalazioni di altri effetti indesiderati in concomitanza con la somministrazione di INTRALIPID per via infusionale sono molto rari con l'incidenza di una segnalazione dell'evento su un milione di infusioni.

Reazioni avverse immediate o precoci

Sono state descritte reazioni di ipersensibilizzazione (reazioni anafilattiche, rash cutaneo, orticaria), sintomatologia respiratoria (es. tachipnea), sono stati descritti effetti circolatori (es. ipo o ipertensione). Sono anche stati descritti emolisi, reticolocitosi, dolore addominale, cefalea, astenia e priapismo.

Reazioni avverse ritardate

È stata rilevata trombocitopenia associata a trattamenti prolungati di INTRALIPID in bambini.

Incrementi transitori nei test epatici dopo una prolungata nutrizione parenterale si sono manifestati sia con la somministrazione di INTRALIPID che senza.

Sindrome da sovraccarico di grassi

Una compromessa capacità di eliminazione di INTRALIPID può portare ad una sindrome di sovraccarico di grassi che, così come avviene con una sovradose, avviene tuttavia anche alle dosi consigliate di infusione in concomitanza con rapidi cambiamenti del quadro clinico, quali ridotta funzionalità renale od in concomitanza di gravi infezioni.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa