Lunis

24 gennaio 2021

Lunis


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Lunis (flunisolide)


Lunis è un farmaco a base di flunisolide, appartenente al gruppo terapeutico Corticosteroidi. E' commercializzato in Italia da Valeas S.p.A:

Confezioni e formulazioni di Lunis disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Lunis disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Lunis e perchè si usa


Profilassi e trattamento delle riniti allergiche, croniche e stagionali, compresa la febbre da fieno.

Indicazioni: come usare Lunis, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti

2 spruzzi dosati (50 microgrammi) per narice, due - tre volte al giorno.

Per terapie molto prolungate la dose può essere ridotta a 1 spruzzo dosato (25 microgrammi) per narice, due - tre volte al giorno.

Popolazione pediatrica

Bambini sopra i 5 anni

1 spruzzo dosato per narice, tre volte al giorno.

Modo di somministrazione

Quando lo spray viene utilizzato per la prima volta, è opportuno far precedere la somministrazione da 4 spruzzi a vuoto.

  1. Agitare.
  2. Togliere la clip di sicurezza.
  3. Togliere il cappuccio protettivo.
  4. Premere a fondo decisamente, con l'indice ed il medio dall'alto verso il basso.
  5. Rimettere il cappuccio.
  6. Riapplicare la clip di sicurezza.
Nell'eventualità che il beccuccio nasale si otturi, è necessario lavarlo con acqua tiepida.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Lunis


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Affezioni batteriche, virali o micotiche a localizzazione nasale; affezioni tubercolari.

Lunis può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Lunis non è raccomandato nei primi tre mesi di gravidanza.

L'impiego nel secondo o nel terzo trimestre di gravidanza e nell'allattamento, deve avvenire sotto stretto controllo medico e dopo attenta valutazione del rapporto tra i benefici attesi e i potenziali rischi per il feto e il lattante.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa