Magnesio Solfato Monico

29 settembre 2022

Magnesio Solfato Monico




Cos'è Magnesio Solfato Monico (magnesio solfato)


Magnesio Solfato Monico è un farmaco a base di magnesio solfato, appartenente al gruppo terapeutico Antiepilettici, Soluzioni endovena elettrolitiche. E' commercializzato in Italia da Monico S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Magnesio Solfato Monico disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Magnesio Solfato Monico disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Magnesio Solfato Monico e perchè si usa


  • Prevenzione e controllo delle convulsioni in caso di grave tossiemia gravidica nelle donne in gravidanza (pre-eclampsia ed eclampsia).
  • Terapia sostitutiva in carenza di magnesio, particolarmente in caso di ipomagnesiemia acuta accompagnata da segni di tetania.
  • Prevenzione e trattamento della ipomagnesiemia in pazienti che ricevono nutrizione parenterale totale.

Indicazioni: come usare Magnesio Solfato Monico, posologia, dosi e modo d'uso


Magnesio solfato monico deve essere diluito in una soluzione di glucosio al 5% o di sodio cloruro allo 0,9%.
  • Prevenzione e controllo delle convulsioni in caso di grave tossiemia gravidica nelle donne in gravidanza (pre-eclampsia ed eclampsia).
  • Terapia sostitutiva in carenza di magnesio, particolarmente in caso di grave ipomagnesiemia acuta accompagnata da segni di tetania.
La dose totale è di 10-14 g di magnesio solfato. Non superare la dose di 30-40 g nell'arco delle 24 ore.
  • Prevenzione e trattamento della ipomagnesiemia in pazienti che ricevono nutrizione parenterale totale.
Da 1 g a 3 g (8-24 mEq) al giorno.

In presenza di grave insufficienza renale la dose massima di magnesio solfato è di 20 g/48 ore.

La concentrazione sierica di magnesio di 6 mg/100 ml è considerata ottimale per il controllo delle convulsioni.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Magnesio Solfato Monico


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Pazienti con aritmie cardiache o danno del miocardio.

Pazienti con compromissione renale grave.

Magnesio Solfato Monico può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Studi condotti in donne in gravidanza non hanno mostrato un aumento del rischio di anomalie durante tutti i trimestri della gravidanza.

Tuttavia, poiché il magnesio solfato attraversa la placenta, questo medicinale non deve essere utilizzato in gravidanza, se non in caso di assoluta necessità, monitorando la frequenza cardiaca fetale.

Inoltre, studi epidemiologici e revisioni di casi documentano effetti avversi fetali, tra cui ipocalcemia, demineralizzazione scheletrica, osteopenia e altri problemi ossei con la somministrazione materna di solfato di magnesio per più di 5-7 giorni. Considerare il monitoraggio dei livelli di calcio e magnesio nei neonati a seguito di esposizione ripetuta al solfato di magnesio durante la gravidanza.

Evitare l'uso di magnesio solfato 2 ore prima del parto.

Se il magnesio solfato viene somministrato (soprattutto per più di 24 ore prima del parto) per controllare le convulsioni in madri affette da tossiemia gravidica, i neonati possono manifestare segni di tossicità da magnesio, incluso depressione neuromuscolare e respiratoria.

Allattamento

L'uso di magnesio solfato è considerato compatibile con l'allattamento anche se la sua presenza è stata rilevata nel latte materno.

Quali sono gli effetti indesiderati di Magnesio Solfato Monico


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati del magnesio solfato organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.

Patologie gastrointestinali: ileo paralitico, transito intestinale ritardato.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: reazioni di ipersensibilità, orticaria.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione: acidosi metabolica, ipocalcemia.

Traumatismo, avvelenamento e complicazioni da procedura: si possono verificare i seguenti sintomi di intossicazione da magnesio: vampate, sudorazione, ipotensione, paralisi flaccida, ipotermia, collasso circolatorio, depressione cardiaca e del sistema nervoso centrale che può evolvere in paralisi respiratoria.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:


Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa