Oxaliplatino Sandoz

20 novembre 2019

Oxaliplatino Sandoz




Oxaliplatino Sandoz è un farmaco a base di Oxaliplatino, appartenente al gruppo terapeutico Antineoplastici. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Oxaliplatino Sandoz (Oxaliplatino) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Oxaliplatino Sandoz per accedere alla scheda relativa e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Oxaliplatino Sandoz (Oxaliplatino) e perchè si usa


Oxaliplatino, in combinazione con 5-fluorouracile (5-FU) e acido folinico (AF) è indicato nel: trattamento adiuvante del cancro del colon allo stadio III (C di Duke) dopo asportazione completa del tumore primario. Trattamento del cancro colorettale metastatico


Come usare Oxaliplatino Sandoz (Oxaliplatino): posologia, dosi e modo d'uso


solo per adulti. La dose raccomandata di oxaliplatino in ambito adiuvante è di 85 mg/m2 somministrati endovena, ripetuti ogni 2 settimane per 12 cicli (6 mesi). La dose raccomandata di oxaliplatino nel trattamento del cancro colorettale metastatico è di 85 mg/m2 somministrati endovena, ripetuti ogni 2 settimane. La posologia va aggiustata a seconda della tollerabilità (vedere Avvertenze speciali e precauzioni di impiego nel RCP). Oxaliplatino va somministrato sempre prima delle fluoropirimidine.Oxaliplatino viene somministrato come infusione endovenosa della durata di 2-6 ore in 250-500 mL di soluzione di glucosio 5%, per avere una concentrazione compresa tra 0,2 e 0,7 mg/mL; nella pratica clinica, 0,7 mg/mL è la concentrazione massima per una dose di oxaliplatino di 85 mg/m2. Oxaliplatino era usato principalmente in regimi di combinazione a base di infusione continua di 5-fluorouracile. Per gli schemi di trattamento ogni 2 settimane, venivano impiegati regimi di 5-fluorouracile in bolo e in infusione endovenosa continua. Popolazioni speciali: compromissione renale: Oxaliplatino non è stato studiato in pazienti con grave compromissione renale (vedere Controindicazioni). In pazienti con compromissione renale di grado moderato, il trattamento può essere iniziato alla dose normalmente raccomandata. Nella disfunzione renale lieve non sono necessari aggiustamenti posologici. Compromissione epatica: in uno studio di fase I che comprendeva pazienti con vari gradi di compromissione epatica, la frequenza e la gravità delle affezioni epato-biliari sembravano essere correlata alla progressione della malattia e alla alterazione dei test di funzione epatica nelle condizioni basali. Nel corso dello sviluppo clinico non è stato eseguito alcuno specifico aggiustamento posologico per i pazienti con test di funzione epatica anormali. Pazienti anziani: nessun aumento delle tossicità severe è stato osservato quando l'oxaliplatino era usato in monoterapia o in combinazione con 5-fluorouracile in pazienti ultrasessantacinquenni. Di conseguenza, nei pazienti anziani non è necessario alcuno specifico aggiustamento posologico. Oxaliplatino viene somministrato per infusione endovenosa. La somministrazione dell'oxaliplatino non richiede iperidratazione. Oxaliplatino diluito in 250-500 mL di soluzione di glucosio 5% per dare una concentrazione non minore di 0,2 mg/mL, deve essere infuso in una linea venosa centrale o in una vena periferica in 2-6 ore. L'infusione di oxaliplatino deve precedere sempre quella di 5-fluorouracile. In caso di stravaso, la somministrazione deve essere immediatamente interrotta. La preparazione delle soluzioni iniettabili di agenti citotossici deve essere eseguita da personale specializzato addestrato con conoscenze sui farmaci usati, in condizioni che garantiscano l'integrità del prodotto medicinale, la protezione dell'ambiente, e in particolare quella del personale che li manipola, in accordo con la politica dell'ospedale. Essa richiede un'area riservata destinata a questo scopo. In questa area è proibito fumare, mangiare o bere


Controindicazioni: quando non dev'essere usato Oxaliplatino Sandoz (Oxaliplatino)


ipersensibilità al farmaco. Allattamento al seno. Mielodepressione presente prima dell'inizio del primo ciclo, quale documentata da un numero di leucociti neutrofili <2 x 109/L e/o di piastrine <100 x 109/L. Neuropatia periferica sensitiva con compromissione funzionale, presente prima del primo ciclo. Funzione renale gravemente compromessa (ClCr <30mL/min)


Oxaliplatino Sandoz (Oxaliplatino) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a numeri di paragrafo non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli