Cepravin 72 siringhe intramammarie monodose da 3 g + 72 salviettine

27 gennaio 2020

Prodotti veterinari - Scheda Cepravin

Cepravin 72 siringhe intramammarie monodose da 3 g + 72 salviettine




TITOLARE:

MSD Animal Health S.r.l.

MARCHIO

Cepravin

CONFEZIONE

72 siringhe intramammarie monodose da 3 g + 72 salviettine

FORMA FARMACEUTICA
siringhe preriempite/fiala + siringa

ALTRE CONFEZIONI DI CEPRAVIN DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
cefalonio

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibiotici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
391,92 €

INDICAZIONI

A cosa serve Cepravin 72 siringhe intramammarie monodose da 3 g + 72 salviettine

normale terapia della mastite bovina in asciutta, quindi per il trattamento delle infezioni sub-cliniche già esistenti a livello mammario o per la prevenzione di nuove infezioni sostenute da Staphylococcus aureus (compresi i ceppi penicillino-resistenti), Streptococcus agalactiae, Streptococcus disgalactiae, Streptococcus uberis, Actinomyces pyogenes, Corynebacteriumulcerans, Escherichia coli, Proteus spp., Klebsiella spp., Citrobacter spp. ed Enterobacter spp., che insorgono durante il periodo di riposo funzionale della mammella. Il trattamento con Cepravin, inoltre, riduce il rischio di mastite che comunemente si presenta durante il parto.

MODO D'USO

Come si usa Cepravin 72 siringhe intramammarie monodose da 3 g + 72 salviettine

somministrare il contenuto di una siringa in ogni quarto mammario. La somministrazione per via diatelica endocanalicolare va praticata immediatamente dopo l'ultima mungitura, prima della messa in asciutta della bovina. Prima dell'infusione, il capezzolo deve essere accuratamente pulito e disinfettato con la salvietta detergente inclusa nella confezione. Dopo aver tolto il cappuccio di protezione della cannula, si deve porre particolare cura onde evitare che il beccuccio erogatore venga contaminato da materiale estraneo. Dopo l'infusione, è consigliabile immergere il capezzolo in una soluzione disinfettante e antisettica, specifica per questo impiego.
Dopo che la mungitura è terminata, detergere e disinfettare accuratamente la cute della parte basale della mammella e i capezzoli con le salviette detergenti incluse nella confezione. Opzione 1: per somministrazione intramammaria con beccuccio corto: tenere in una mano il cilindro della siringa e la base del cappuccio e ruotare la parte superiore del cappuccio sopra l'incisione (la base del cappuccio resterà sulla siringa). Prestare attenzione a non contaminare la parte esposta del beccuccio erogatore. Opzione 2: per somministrazione intramammaria con beccuccio lungo: rimuovere l'intero cappuccio, tenendo saldamente in mano il cilindro della siringa e con il pollice spingere verso l'alto e nel senso della lunghezza del cappuccio, fino a che lo stesso si stacchi. Prestare attenzione a non contaminare il beccuccio erogatore. Inserire il beccuccio nel canale mammario ed applicare una pressione costante sullo stantuffo della siringa fino a che l'intera dose sia stata inoculata. Tenendo il capezzolo tra le dita di una mano, massaggiare leggermente verso l'alto con l'altra mano, per facilitare la dispersione dell'antibiotico nel quarto mammario. Immergere quindi i capezzoli in una soluzione disinfettante e antisettica all'uopo approntata.



Data ultimo aggiornamento scheda: 26/09/2019

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico






Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube