Rinofluimucil

23 gennaio 2021

Rinofluimucil


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Rinofluimucil (tuaminoeptano + acetilcisteina)


Rinofluimucil è un farmaco a base di tuaminoeptano + acetilcisteina, appartenente al gruppo terapeutico Decongestionanti. E' commercializzato in Italia da Zambon Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Rinofluimucil disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Rinofluimucil disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Rinofluimucil e perchè si usa


  • Riniti acute e subacute, specie con essudati mucopurulenti e a lenta risoluzione.
  • Riniti croniche e muco-crostose.
  • Riniti vasomotorie.
  • Sinusiti.

Indicazioni: come usare Rinofluimucil, posologia, dosi e modo d'uso


Il RINOFLUIMUCIL si usa per applicazioni nelle cavità nasali, utilizzando l'apposito erogatore a dosaggio (vedere paragrafo 6.6).

ADULTI: 2 erogazioni in ogni narice 3-4 volte al giorno.

BAMBINI oltre i 12 anni: 1 erogazione in ogni narice 3-4 volte al giorno.

Non superare le dosi indicate.

Il flacone, quando aperto, è utilizzabile per un periodo non superiore a 20 giorni.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Rinofluimucil


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Patologia cardiovascolare, inclusa l'ipertensione.
  • Pregressa patologia cerebrovascolare, inclusa la presenza di importanti fattori di rischio (dovuta all'attività alfa-simpaticomimetica).
  • Pregresse convulsioni.
  • Glaucoma ad angolo ristretto.
  • Ipertiroidismo.
  • Durante e nelle due settimane successive a terapia con inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO).
  • Bambini di età inferiore ai 12 anni.
  • Feocromocitoma.
  • Durante l'uso di altri agenti simpaticomimetici, inclusi altri decongestionanti nasali.
  • Ipofisectomia o interventi chirurgici con esposizione della dura madre.

Rinofluimucil può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati relativi ad un limitato numero di donne in gravidanza esposte ad N-acetilcisteina non hanno indicato alcun effetto negativo sulla gravidanza stessa o sulla salute del feto/neonato. Allo stato attuale, non sono disponibili ulteriori dati epidemiologici di rilievo. Studi sugli animali con N-acetilcisteina non hanno dimostrato effetti nocivi diretti o indiretti per quanto riguarda la tossicità riproduttiva.

Non ci sono dati su donne in gravidanza esposte o studi sugli animali con il tuaminoeptano o N-acetilcisteina + tuaminoeptano.

Il prodotto non è raccomandato in gravidanza.

Allattamento

Non ci sono informazioni disponibili sull'escrezione dell'N-acetilcisteina e del tuaminoeptano nel latte materno. Non si può escludere un rischio per il lattante.

Il prodotto non deve essere usato dalle mamme in allattamento.

Fertilità

Non sono disponibili studi sugli animali sulla fertilità con N-acetilcisteina + tuoaminoeptano.

Non sono inoltre disponibili dati sugli esseri umani.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa