Sodio Bicarbonato L.F.M.

23 gennaio 2021

Sodio Bicarbonato L.F.M.


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Sodio Bicarbonato L.F.M. (sodio bicarbonato)


Sodio Bicarbonato L.F.M. è un farmaco a base di sodio bicarbonato, appartenente al gruppo terapeutico Antiacidi. E' commercializzato in Italia da Laboratorio Farmacologico Milanese S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Sodio Bicarbonato L.F.M. disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Sodio Bicarbonato L.F.M. disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Sodio Bicarbonato L.F.M. e perchè si usa


Trattamento a breve termine dell'iperacidità gastrica.

Indicazioni: come usare Sodio Bicarbonato L.F.M., posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti: La dose abituale negli adulti varia tra 500 mg a 5 g al giorno.

Adolescenti (12-18 anni): 1-2 compresse dopo i pasti e al momento di coricarsi.

Popolazione pediatrica

Il medicinale Sodio Bicarbonato LFM è controindicato nei i bambini di età inferiore a 12 anni.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Sodio Bicarbonato L.F.M.


  • ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti;
  • gravi insufficienze renali;
  • alcalosi respiratoria;
  • ipocalcemia, per un aumento di rischio di tetania;
  • ipocloremia indotta da diuretici (vedere paragrafo 4.5); eccessiva perdita di cloro, dovuta al vomito o a suzione gastrointestinale continua, per il maggior rischio di alcalosi metabolica;
  • bambini di età inferiore a 12 anni.
Generalmente controindicato in gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Sodio Bicarbonato L.F.M. può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Per il sodio bicarbonato non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte.

Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti su gravidanza, sviluppo embrionale/fetale, parto o sviluppo post-natale (vedere paragrafo 5.3). È necessario essere prudenti nel prescrivere il medicinale a donne in stato di gravidanza.

Inoltre, occorre considerare che il sodio contenuto nel medicinale può peggiorare gli stati edematosi della gravidanza. Pertanto, per il trattamento dell'acidità di stomaco, si consiglia di impiegare farmaci alternativi che non contengano sodio.

Allattamento

L'utilizzo del sodio bicarbonato è considerato compatibile con l'allattamento.

Fertilità

Non è noto l'impatto dell'utilizzo di SODIO BICARBONATO L.F.M. sulla fertilità

Quali sono gli effetti indesiderati di Sodio Bicarbonato L.F.M.


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati del sodio bicarbonato somministrato per via orale, organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.

Disturbi del sistema immunitario

Manifestazioni allergiche come orticaria e broncospasmo, reazioni anafilattiche o anafilattoidi.

Patologie gastrointestinali

Crampi allo stomaco, flatulenza, vomito e lesioni gastriche.

Patologie vascolari

Ritenzione idrica (edema), soprattutto nei pazienti anziani e in presenza di insufficienza cardiaca o renale. Il sodio bicarbonato quando somministrato per via orale alle dosi consigliate viene assorbito solo in piccole quantità con minimi effetti sistemici. Di seguito vengono comunque elencate le reazioni avverse dovute a un effetto sistemico del farmaco.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Alcalosi metabolica, specialmente in pazienti con insufficienza renale; i sintomi comprendono respiro affannoso (per iperventilazione compensatoria, che può durare anche 48 ore), debolezza muscolare associata a deplezione di potassio, ipertono muscolare, spasmi muscolari e tetania che possono manifestarsi specialmente nei pazienti ipocalcemici.

Ipernatriemia.

Iperosmolarità, con aumento del volume dei liquidi ed edema polmonare

Patologie cardiache

Diminuzione della gittata cardiaca.

Patologie vascolari

Ipotensione. Edema cerebrale.

Emorragia intracranica.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Ipercapnia.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa


Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa