Tamsulosin Pensa

28 marzo 2020

Tamsulosin Pensa




Tamsulosin Pensa è un farmaco a base di tamsulosina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Ipertrofia prostatica benigna. E' commercializzato in Italia da Pensa Pharma S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato) e perchè si usa


Trattamento dei sintomi delle basse vie urinarie (LUTS – Lower Urinary Tract Symptoms) associati a iperplasia prostatica benigna (IPB).



Come usare Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato): posologia, dosi e modo d'uso


Uso orale.

Una capsula al giorno da assumere dopo la colazione o dopo il primo pasto della giornata.

La capsula deve essere deglutita intera e non deve essere frantumata o masticata, poichè questo potrebbe interferire con il rilascio modificato del principio attivo.

Non è necessario modificare la dose in caso di compromissione renale o nei pazienti con insufficienza epatica di grado da lieve a moderato (vedere paragrafo 4.3 “Controindicazioni“).

Popolazione pediatrica

Non esiste alcuna indicazione per un uso specifico di TAMSULOSIN PENSA nei bambini.

La sicurezza e l'efficacia di tamsulosina nei bambini di età inferiore ai 18 anni non è ancora stata stabilita.

I dati attualmente disponibili sono riportati nella sezione 5.1.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato)


Ipersensibilità alla tamsulosina cloridrato, incluso angioedema indotto da farmaci, o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Precedenti di ipotensione ortostatica.

Grave insufficienza epatica.



Tamsulosin Pensa (tamsulosina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


L'uso di TAMSULOSIN PENSA non è indicato nelle donne.

In studi clinici a breve e lungo termine con tamsulosina cloridrato sono stati osservati disturbi dell'eiaculazione. Casi di disturbi dell'eiaculazione, eiaculazione retrograda e incapacità di eiaculazione sono stati riportati in studi di fase post-autorizzativa.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube