Vividrin

22 maggio 2024

Vividrin


Tags:


Cos'è Vividrin (azelastina cloridrato)


Vividrin è un farmaco a base di azelastina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiallergici. E' commercializzato in Italia da Bausch & Lomb

Confezioni e formulazioni di Vividrin disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Vividrin disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Vividrin e perchè si usa


L'azelastina è indicata per il trattamento sintomatico della rinite allergica stagionale (per esempio febbre da fieno) e per le esacerbazioni acute delle riniti allergiche perenni in adulti, adolescenti e bambini a partire dai 6 anni di età.

Indicazioni: come usare Vividrin, posologia, dosi e modo d'uso


Via di somministrazione topica – mucosa nasale.

Uno spruzzo (0,14 ml) in ogni narice, due volte al giorno (0,56 mg di azelastina cloridrato).

Non esistono studi specifici negli anziani.

Per bambini di età pari o superiore ai 6 anni, uno spruzzo (0,14 ml) in ogni narice, due volte al giorno (0,56 mg di azelastina cloridrato).

L'azelastina cloridrato non deve essere somministrata ai bambini al di sotto dei 6 anni di età a causa della mancanza di dati sulla sicurezza ed efficacia.

Modo di somministrazione

Uso nasale.

Precauzioni che devono essere prese in considerazione prima della manipolazione o della somministrazione del medicinale:

Spruzzare con la testa in posizione eretta.

Prima del primo utilizzo, premere più volte il meccanismo di pompaggio (3-4 volte) fino all'uscita di uno spruzzo uniforme.

Quando l'azelastina non viene utilizzata per 6 o più giorni, il meccanismo di pompaggio deve essere riattivato premendo verso il basso e rilasciando un numero di volte sufficiente a far uscire una fine nebulizzazione.

Dopo la somministrazione, pulire il beccuccio dell'erogatore e riposizionare il cappuccio protettivo.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Vividrin


Bambini al di sotto dei 6 anni di età.

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Vividrin può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non ci sono o sono in numero limitato i dati relativi all'uso di azelastina in donne in gravidanza. Ad alte dosi orali è stata osservata una tossicità riproduttiva negli animali (vedere paragrafo 5.3). Pertanto, deve essere usata cautela nell'usare l'azelastina durante la gravidanza.

Allattamento

Non è noto se l'azelastina/metaboliti siano escreti nel latte materno. Poiché molti medicinali sono escreti nel latte materno, deve essere usata cautela quando si somministra l'azelastina a donne che allattano al seno.

Fertilità

Negli studi condotti sugli animali sono stati riscontrati effetti sulla fertilità (vedere paragrafo 5.3).

Quali sono gli effetti indesiderati di Vividrin


Le frequenze sono definite come: Molto comune (≥1/10), Comune (≥1/100, <1/10), Non comune (≥1/1.000, <1/100), Raro (≥1/10.000, <1/1.000), Molto raro (<1/10.000), Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Disturbi del sistema immunitario

Molto raro: reazioni di ipersensibilità.

Patologie del sistema nervoso

Comune: sapore amaro tipico del medicinale che può essere avvertito dopo la somministrazione (spesso a causa di un metodo di applicazione scorretto, dovuto ad una eccessiva inclinazione della testa all'indietro durante la somministrazione) che, in rari casi, può causare nausea.

Molto raro: capogiro, sonnolenza (alterazione del sonno, assopimento).

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non comune: può verificarsi una irritazione lieve transitoria della mucosa nasale infiammata con sintomi quali dolore pungente, prurito e starnuto, epistassi.

Patologie gastrointestinali

Raro: nausea.

Patologie sistemiche

Molto raro: stanchezza (sfinimento, spossatezza), capogiro o debolezza.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo e del sistema immunitario

Molto raro: eruzione cutanea, prurito, orticaria

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Apnee notturne (Osas): come riconoscerle e i consigli per prevenirle
Apparato respiratorio
05 aprile 2024
Notizie e aggiornamenti
Apnee notturne (Osas): come riconoscerle e i consigli per prevenirle
Olfatto: perché siamo attratti dagli odori?
Orecchie naso e gola
16 marzo 2024
Notizie e aggiornamenti
Olfatto: perché siamo attratti dagli odori?
Polmoniti da mycoplasma pneumoniae: sintomi, trattamento e prevenzione
Apparato respiratorio
20 dicembre 2023
Notizie e aggiornamenti
Polmoniti da mycoplasma pneumoniae: sintomi, trattamento e prevenzione
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa