Voltaren Oftabak

27 gennaio 2021

Voltaren Oftabak


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Voltaren Oftabak (diclofenac sodico)


Voltaren Oftabak è un farmaco a base di diclofenac sodico, appartenente al gruppo terapeutico Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Thea Farma S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Voltaren Oftabak disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Voltaren Oftabak disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Voltaren Oftabak e perchè si usa


Inibizione della miosi durante l'intervento di cataratta

Prevenzione dell'infiammazione negli interventi chirurgici della cataratta e del segmento anteriore dell'occhio (vedere paragrafo 5.1).

Trattamento del dolore oculare nell'intervento di cheratectomia fotorefrattiva fino alle prime 24 ore post-operatorie.

Indicazioni: come usare Voltaren Oftabak, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti:

Inibizione della miosi durante l'intervento di cataratta

Pre-operatorio: una goccia fino a cinque volte durante le tre ore prima dell'intervento;

Prevenzione dell'infiammazione negli interventi chirurgici della cataratta e del segmento anteriore dell'occhio:

Pre-intervento: una goccia fino a cinque volte durante le tre ore precedenti l'intervento,

Post-intervento: una goccia tre volte subito dopo l'intervento e quindi una goccia da tre a cinque volte al giorno. Un trattamento di durata superiore alle 4 settimane non è raccomandato.

Trattamento del dolore oculare nell'intervento di cheratectomia fotorefrattiva fino alle prime 24 ore post-operatorie:

Pre-intervento: due gocce entro l'ora antecedente l'intervento,

Post-intervento: due gocce entro l'ora seguente l'intervento e quindi quattro gocce entro le 24 ore post-operatorie.

Bambini:

Non sono stati eseguiti studi specifici.

Anziani:

Non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Modo di somministrazione

Uso oftalmico.

I pazienti devono essere istruiti a:

- Lavarsi accuratamente le mani prima di utilizzare il prodotto.

- Evitare il contatto della punta del contenitore con l'occhio o le palpebre.

- Chiudere il flacone dopo l'uso.

Al fine di evitare la diluizione dei principi attivi, in caso di uso concomitante con un altro collirio aspettare 15 minuti tra un'instillazione e l'altra.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Voltaren Oftabak


Ipersensibilità al diclofenac sodico o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Pregressi episodi di allergia, orticaria, rinite acuta o asma precipitati dall'assunzione di diclofenac sodico o farmaci con attività simile come aspirina o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). (vedere paragrafo 4.4 per le reazioni di sensibilità crociata).

Voltaren Oftabak può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non vi sono dati adeguati provenienti dall'uso di colliri contenenti Diclofenac in donne in gravidanza. Gli studi su animali hanno mostrato tossicità riproduttiva a dosi tossiche sulla madre (vedere paragrafo 5.3). L'inibizione della sintesi delle prostaglandine può influire negativamente sulla gravidanza e/o sullo sviluppo embrionale/fetale e/o sullo sviluppo post-natale.

Malgrado ci si aspetti un'esposizione sistemica molto bassa dopo l'uso di diclofenac collirio, durante la gravidanza, VOLTAREN OFTABAK deve essere usato solo se necessario. La dose più bassa e la minore durata possibile devono essere considerate.

Allattamento al seno

Non sono da aspettarsi effetti sui bambini in allattamento poichè l'esposizione sistemica a diclofenac sodico delle donne che allattano è limitata. VOLTAREN OFTABAK può essere usato nelle donne in allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Voltaren Oftabak


Infezioni ed infestazioni

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

Rinite

Disturbi del sistema immunitario

Rari (≥1/10.000, <1/1.000)

  Ipersensibilità

Disturbi della vista

  Non comuni (≥1/1.000, < 1/100)

  Sensazione di bruciore nell'occhio in seguito all'instillazione, disturbi visivi dopo instillazione.

  Rari (≥1/10.000, <1/1.000)

  Cheratite puntata, assottigliamento corneale, ulcerazione corneale.

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

  Iperemia congiuntivale, congiuntivite allergica, edema delle palpebre.

Disturbi respiratori, toracici e mediastinici

Rari (≥1/10.000, <1/1.000)

  Dispnea, peggioramento dell'asma

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

  Tosse

Disturbi della cute e del tessuto sottocutaneo

Rari (≥1/10.000, <1/1.000)

Prurito, eritema, reazioni di fotosensibilità

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

Orticaria, rash, eczema da contatto.

Sono stati segnalati assottigliamento corneale e ulcerazioni corneali, in rari casi, specialmente in pazienti a rischio che usavano corticosteroidi o quando evidenziavano una coesistente artrite reumatoide. La maggior parte dei pazienti è stata trattata per un periodo prolungato di tempo.

L'esperienza post-marketing suggerisce che i pazienti con interventi chirurgici oculari complessi, difetti epiteliali corneali, diabete mellito, malattia della superficie oculare (es. sindrome dell'occhio secco), artrite reumatoide o con interventi chirurgici oculari ripetuti entro un breve periodo di tempo possono avere un aumentato rischio di eventi avversi corneali.

A causa della presenza di macrogolglicerolo ricinoleato, rischio di eczema da contatto.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa