Chiusura scuole, i danni socio-economici superano l'efficacia della misura

11 giugno 2020
News

Chiusura scuole, i danni socio-economici superano l'efficacia della misura


La chiusura delle scuole durante la pandemia è una misura sulla cui efficacia la comunità scientifica fatica a trovare accordo, e che può portare con sé danni economici e sociali. Questo in sostanza è quanto sostengono gli autori di un articolo pubblicato su Jama Pediatrics. «Alcuni studi di modellistica sembrano indicare che la chiusura della scuola può essere significativamente efficace per il controllo delle infezioni solo quando i focolai sono dovuti a virus con bassa trasmissibilità e che colpiscono i bambini più degli adulti, cosa che non sembra valida per i coronavirus. Infatti, i bambini di età inferiore ai 10 anni rappresentano solo l'1% dei casi di Covid-19» spiegano Susanna Esposito, dell'Università di Parma, e Nicola Principi, dell'Università di Milano, autori dell'articolo.

La scarsa rilevanza di questa misura restrittiva sembra confermata dal fatto che a Taiwan la diffusione di Covid-19 è stata ridotta al minimo senza chiusure scolastiche pianificate, e che in Cina la chiusura della scuola per due mesi non è risultata significativamente efficace per la prevenzione della malattia. Sempre a Taiwan, è stato evidenziato che il rischio di trasmissione dell'infezione tra i bambini in una classe è molto bassa, con un R0 inferiore a uno. Recenti studi effettuati su dati provenienti dalla provincia di Wuhan hanno predetto che la chiusura delle scuole da sola sarebbe in grado di impedire un numero di decessi molto inferiore ad altri interventi di allontanamento sociale, con un valore compreso tra il 2% e il 4%. Gli autori ricordano però che questa misura restrittiva porta con sé molte conseguenze negative, sia per le famiglie, che per i bambini stessi. I genitori infatti si trovano impossibilitati a lavorare, e questo problema è amplificato se svolgono professioni in campo sanitario. Inoltre, i bambini potrebbero essere affidati ai nonni, una categoria a rischio per il Covid-19. Non da ultimo, esiste un grande rischio di amplificare le disuguaglianze sociali, economiche e sanitarie, in particolare nei paesi a reddito limitato. I ricercatori sostengono che invece della chiusura totale della scuola potrebbero essere implementate strategie alternative per contenere la trasmissione, come la riduzione delle dimensioni della classe, il distanziamento fisico e la promozione dell'igiene.
In un editoriale di accompagnamento, Dimitri Christakis, del Center for Child Health, Behavior, and Development, Seattle, concorda con questa visione, e sostiene che i governi dovrebbero occuparsi al più presto della riapertura delle scuole basandosi solo sulla scienza e non sulla politica.

Fonte: Doctor33


Bibliografia

Jama Pediatrics 2020. Doi: 10.1001/jamapediatrics.2020.1892
https://dx.doi.org/10.1001/jamapediatrics.2020.1892

Jama Pediatrics 2020. Doi: 10.1001/jamapediatrics.2020.2068
https://dx.doi.org/10.1001/jamapediatrics.2020.2068





Speciale Coronavirus:
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube