Covid-19, per i test salivari ok dal ministero

22 maggio 2021
Aggiornamenti e focus

Covid-19, per i test salivari ok dal ministero


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Sì ai test salivari dal Ministero della Salute


Sì ai test salivari dal Ministero della Salute: hanno una buona attendibilità, sono molto maneggevoli e dunque indicati in carenza di tamponi, su anziani e disabili, in caso di controlli ripetuti. Anche a scuola. Ma vanno eseguiti da personale addestrato e non troppi giorni dopo l'esordio dei sintomi. Lo affermano le indicazioni della nuova circolare del Ministero della Salute sull'uso dei test molecolare e antigenico su saliva ad uso professionale per la diagnosi di Covid-19. Firmato dal Direttore Generale del ministero della Salute Giovanni Rezza, il documento sottolinea che la presenza del virus è detettabile anche nei campioni di saliva di asintomatici o pre-sintomatici, e ciò rende il test quasi elettivo negli screening ripetuti per motivi professionali (inclusi lavoratori della sanità, ndr), in individui molto anziani o disabili, o in carenza di tamponi. Inoltre -scrive il Ministero- la saliva conterrebbe una carica virale "significativamente più elevata in pazienti con fattori di rischio di grave entità: sesso maschile, età avanzata, specifiche condizioni patologiche respiratorie, cardiovascolari, oncologiche sottostanti e altre condizioni patologiche sistemiche e immunosoppressive". Probabile la relazione tra carica virale salivare e sintomi quali ageusia e disgeusia.

Di test salivari, oggi ve ne sono diversi con marchio CE nell'elenco dell'Health Security Committee dell'Unione Europea, sia molecolari, sia antigenici di laboratorio o rapidi (immuno-cromatografici). Per sensibilità (basso rischio di falsi negativi) e specificità (basso rischio di falsi positivi), per la diagnosi di Covid-19 resta gold standard internazionale il test molecolare su campione nasofaringeo e orofaringeo: può rilevare il genoma virale anche se la carica è bassa. La circolare accenna a nuove tecniche quali l'amplificazione mediata da loop di trascrizione inversa (RT-LAMP), che offre risultati in tempi rapidi (ma va accertato se cresca il rischio di falsi negativi) e i test con lettura in chemiluminescenza marcati CE-IVD a quanto pare sensibili come il tampone nasofaringeo molecolare; minor sensibilità è fin qui riportata per i test antigenici rapidi basati sul flusso laterale. Peraltro, ove non fossero disponibili test molecolari, o vi fosse urgenza di decisioni di sanità pubblica in tempi rapidi, si può ricorrere ai test antigenici in laboratorio, o a test antigenici rapidi con lettura in fluorescenza o basati su microfluidica con lettura in fluorescenza rispondenti alle caratteristiche di sensibilità e specificità minime (sensibilità ≥ 80% e specificità ≥ 97%, ma la sensibilità deve salire a oltre il 90% in contesti a bassa incidenza).

Per raccogliere correttamente il campione ci sono quattro metodi: "general spitting" (raccolta della saliva accumulata a livello del pavimento orale), raccolta della saliva posteriore del primo mattino, raccolta di saliva intera in assenza di stimolazione (sbavatura "drooling"), sputo faringeo posteriore "posterior pharyngeal spitting" (che raccoglie secrezioni respiratorie miste, provenienti dalle vie aeree superiori e inferiori). Gli studi disponibili indicano meno falsi negativi nella saliva orofaringea posteriore del primo mattino, e di più con la tecnica del general spitting. Tuttavia, il rischio di falsi negativi crescerebbe dopo i primi cinque giorni dall'inizio dei sintomi. Infine, il fatto che i campioni di saliva possano essere mucosi o viscosi condiziona la lavorazione. In età pediatrica i dati sono limitati ma questi test semplificano la tecnica di prelievo. Studi del 2020 hanno rilevato sensibilità tra il 53 e il 73%. Ai fini della sorveglianza nazionale, sia per il flusso di casi individuali, coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità sia per quello aggregato, coordinato dal Ministero della Salute, gli esiti dei test salivari vanno segnalati online nel sistema di sorveglianza, anche quelli effettuati da laboratori, strutture e professionisti privati accreditati.

Mauro Miserendino

Fonte: Doctor33

Tags:

In evidenza:

Speciale Coronavirus:

...e inoltre su Dica33: